SPREAD

Borse europee: chiusura positiva

Martedì 5 Novembre 2019
Seduta di consolidamento per le Borse europee con l'Eurostoxx che chiude comunque sui massimi da quattro anni dopo la volata di ieri, legata ai progressi per un accordo commerciale tra Usa e Cina. Se Parigi tocca nuovamente i record dal 2007, Milano archivia la giornata con un rialzo dello 0,23%, livello più alto da maggio 2018: a trainare Piazza Affari sono soprattutto le trimestrali, a partire da Azimut (+3,4% grazie all'utile netto consolidato dei nove mesi a 247 milioni, record storico e +120% sul 2018) e Intesa Sanpaolo (+1,5%), che ha battuto il consensus con profitti netti nel terzo trimestre di oltre 1 miliardo (+25%).

Forti acquisti anche sui petroliferi, spinti dal buon andamento del greggio (+1,2% a 57,2 dollari al barile) ma anche dall'effervescenza di tutto il settore per l'annuncio dell'Ipo di Saudi Aramco: Eni e Saipem guadagnano rispettivamente l'1,6% e il 3,3% e a livello europeo lo stoxx del segmento energetico recupera l'1%. In coda al listino di Piazza Affari, invece, Ferrari (-2,6% dopo la fiammata di ieri sui massimi storici), Recordati (-2,3%) e tutto il comparto delle utility, penalizzato a livello europeo. Sul fronte dei cambi, l'euro viaggia a 1,106 contro il dollaro (1,114 alla vigilia) e 120,79 yen (da 121,03 yen). Il cross dollaro/yen si attesta a 109,12
  Ultimo aggiornamento: 19:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma