Borse europee poco sopra la parità

Venerdì 16 Agosto 2019
(Teleborsa) - Seduta timidamente positiva per le borse del Vecchio Continente mentre aumentano le tensioni geopolitiche: la Corea del Nord ha lanciato due missili al largo della costa orientale del Paese.

Intanto crescono le probabilità di un corposo taglio dei tassi da parte della Fed nella prossima riunione di politica monetaria mentre segnali incoraggianti sull'economia provengono dal fronte dei consumi. Le statistiche positive diffuse la vigilia sulle vendite al dettaglio USA, infatti, hanno risollevato l'umore degli investitori, depressi dai timori di rallentamento globale per la guerra commerciale USA-Cina, facendo registrare a Wall Street un rimbalzino di Ferragosto.

Finale contrastato quello di oggi, invece, per le principali borse asiatiche dopo che Goldman Sachs ha tagliato le stime di crescita delle 4 "Tigri asiatiche".

In Italia si continua a guardare con attenzione alla situazione politica, in vista di una possibile crisi di Governo.

Nessuna variazione significativa per l'Euro / Dollaro USA, che scambia sui valori della vigilia a 1,11. Prevale la cautela sull'oro, che continua la seduta con un leggero calo dello 0,55%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil), in aumento (+1,1%), raggiunge 55,07 dollari per barile.

Torna a scendere lo spread, attestandosi a +207 punti base, con un calo di 10 punti base,mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta all'1,37%.

Tra i mercati del Vecchio Continente si muove in modesto rialzo Francoforte, evidenziando un incremento dello 0,50%, incolore Londra, che non registra variazioni significative rispetto alla seduta precedente, bilancio positivo per Parigi, che vanta un progresso dello 0,32%.

Sostanzialmente stabile Piazza Affari, che continua la sessione sui livelli della vigilia, con il FTSE MIB a 20.044 punti; sulla stessa linea, resta piatto il FTSE Italia All-Share, con le quotazioni che si posizionano a 21.884 punti. In frazionale progresso il FTSE Italia Mid Cap (+0,21%); senza direzione il FTSE Italia Star (-0,12%).

Risultato positivo a Piazza Affari per i settori media (+3,43%), tecnologia (+1,23%) e bancario (+0,72%).

In fondo alla classifica, sensibili ribassi si manifestano nel comparto automotive, che riporta una flessione di -0,43%.

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, tonica Fineco che evidenzia un bel vantaggio dell'1,10%.

In luce Terna, con un ampio progresso dell'1,02%.

Sostanzialmente tonico STMicroelectronics, che registra una plusvalenza dello 0,97%.

Guadagno moderato per Recordati, che avanza dello 0,97%.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su Fiat Chrysler -1,57%.

Spicca la prestazione negativa di Pirelli, che scende dell'1,49%.

Si muove sotto la parità Ferragamo, evidenziando un decremento dello 0,92%.

Contrazione moderata per ENI, che soffre un calo dello 0,87%.

In cima alla classifica dei titoli a media capitalizzazione di Milano, Mediaset (+5,75%), Credito Valtellinese (+3,02%), Mutuionline (+2,37%) e RCS (+1,83%).

I più forti ribassi, invece, si verificano su Gima TT, che inizia la seduta con -1,30%.

Banca Generali scende dell'1,14%.

Sottotono Tinexta che mostra una limatura dello 0,84%.

Deludente MARR, che si adagia poco sotto i livelli della vigilia. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma