Borsa, Comitato per la Corporate Governance individua nuove aree di miglioramento

Borsa, Comitato per la Corporate Governance individua nuove aree di miglioramento
3 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 17:30

(Teleborsa) - Una diversificazione delle raccomandazioni in funzione delle dimensioni e degli assetti proprietari delle società, secondo un principio di proporzionalità, e un più deciso orientamento della governance verso gli obiettivi della sostenibilità ambientale e sociale dell'attività d'impresa. Sono queste le principali novità che introduce la Relazione annuale, sull'attività svolta nel 2021, del Comitato italiano per la Corporate Governance. La Relazione annuale, che contiene anche il nono Rapporto sull'applicazione del Codice di autodisciplina, è stata approvata oggi dall'organo presieduto da Lucia Calvosa.

Il Rapporto evidenzia come la governance delle società abbia raggiunto un elevato grado di compliance con le migliori pratiche, riscontrando sia un costante miglioramento che una sostanziale accelerazione nel corso dell'ultimo anno. Complessivamente, il grado di compliance con le raccomandazioni del Codice è aumentato di circa il 20% negli ultimi tre anni. Il miglioramento è stato più sensibile nelle società di minori dimensioni, riducendo il gap con le società più grandi. Anche le differenze settoriali si sono ridotte, con un graduale avvicinamento delle società non finanziarie ai più elevati standard di governance tradizionalmente adottati da banche e assicurazioni.

I miglioramenti più significativi hanno riguardato le aree su cui negli anni scorsi si sono concentrate le raccomandazioni del Comitato: la maggiore presenza e qualità delle informazioni sulla valutazione dell'indipendenza degli amministratori e la definizione di pacchetti retributivi per i CEO maggiormente legati al raggiungimento di risultati nel medio-lungo periodo. Il Comitato rileva, peraltro, come persistano aree di miglioramento nella gestione dell'informativa fornita ai consigli di amministrazione prima delle loro decisioni e nella trasparenza dei criteri con cui possono essere attribuiti compensi straordinari ai CEO.

Consapevole della portata innovativa del nuovo Codice di Corporate Governance, il Comitato ha adottato una pluralità di raccomandazioni, sottolineando l'importanza di fornire, nelle relazioni che saranno pubblicate nel 2022, una adeguata trasparenza alle scelte adottate e alle loro motivazioni. In particolare, attraverso una lettera del Presidente a tutte le società quotate, ha indicato le seguenti aree di priorità: l'opportunità di descrivere adeguatamente come le società integrino gli obiettivi di sostenibilità nelle strategie, nel sistema di controllo interno e nelle remunerazioni degli amministratori nonché le iniziative intraprese per promuovere il dialogo con gli investitori e gli altri stakeholder rilevanti; il rafforzamento del ruolo del consiglio di amministrazione nella cura della sua adeguata composizione e del suo corretto funzionamento, con particolare riferimento al processo di nomina, successione e autovalutazione degli amministratori; l'adeguata valutazione delle opportunità di proporzionalità offerte dal nuovo Codice, che consente alle società con assetti proprietari più concentrati e a quelle di minori dimensioni di semplificare e snellire il proprio modello di governance.

(Foto: © Antonio Truzzi | 123RF)

© RIPRODUZIONE RISERVATA