MATTEO SALVINI

Borghi: «L'oro degli italiani è degli italiani»

Martedì 12 Febbraio 2019
Il governo «non ha nessuna intenzione» di vendere le riserve di oro del Paese ma «è necessario chiarire che l'oro è degli italiani». Lo chiarisce il presidente della commissione Bilancio della Camera, Claudio Borghi (Lega) intervistato a Radio Anch'io sul testo da lui proposto all'esame della commissione Finanze della Camera. «Vuole essere una legge di interpretazione autentica perchè tanti non capiscono o fanno finta di non capire. «L'articolo 127 del trattato europeo dice che le banche centrali detengono e gestiscono le riserve auree nazionali. Detenere vuol dire che ne hanno disponibilità ma il proprietario è un altro. Banca d'Italia afferma che dal punto di vista legale le riserve auree sono sue. Ora, bisognerebbe spiegare alla Banca d'Italia che l'oro degli italiani è degli italiani. Questo poi non significa che sia del governo, che lo possa vendere e così via»

 
«Un comma per escludere rischi di utilizzo del Governo delle riserve auree? Bè si può aggiungere. Non c'è nessuna intenzione da parte nostra di vendere. Così fughiamo questo dubbio ridicolo. Ci sono stati degli errori in passato sulla Banca d'Italia. In Francia la Banque de France è dello stato francese. La Banca d'Italia non è del tutto dello Stato italiano perché ha degli azionisti che in origine erano dello stato ma ora sono privati». Borghi ha commentato anche la possibile riconferma del Vice Direttore generale Signorini: «Non sono d'accordo. Penso che la discontinuità ci debba essere. Perché un conto è l'indipendenza, un conto è l'irresponsabilità. Se tutti siamo d'accordo che la Banca d'Italia ha vigilato male, ci deve pur essere un modo per i cittadini o per i loro rappresentanti di mostrare la loro insoddisfazione». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tremolina malata e contesa: scatta la gara di solidarietà

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma