LOCKDOWN

Bonus bici, rimborsi bus, smart working con figli under 14 e ipotesi condono: ecco il dl Rilancio

Venerdì 8 Maggio 2020
1
Bonus bici, rimborsi bus, smart working con figli under 14 e ipotesi condono: ecco il dl Rilancio

C'è il rimborso degli abbonamenti dell'autobus e del treno per i pendolari durante il periodo di lockdown e l'ipotesi di mettere un tetto al prezzo sia per le diverse tipologie di mascherine, sia per i gel disinfettanti. E poi ci sono norme per rendere più fluidi i prestiti per la liquidità alle imprese, con una stretta sui reati e l'arrivo dell'autocertificazione, e quelle per ridurre una parte dei canoni delle autostrade parametrandoli al traffico reale

Virus, bollettino: in Italia superati i 30.000 morti (oggi 243). I guariti sono 99.023 (+2.747)
 


SCARICA IL DL RILANCIO

Fondi per aiutare librerie, musei e fiere e una buona fetta di risorse per aiutare la sanità locale a garantire la gestione - e quindi l'isolamento - di chi ha contratto il Covid 19. Niente più decreto aprile o maggio. Il governo lavora ad un « decreto Rilanciò e sul tavolo piovono le proposte dei ministeri a caccia di una parte di quei 55 miliardi che l'esecutivo ha messo in conto di spendere. In un maxi-documento di oltre 770 pagine arrivano misure che già hanno ottenuto un privo ok con alcune che hanno testi testi cancellati o incompleti. Fotografa il lavoro in corso, non certo un punto di arrivo. Molte non hanno ancora un'adeguata copertura e altre devono certamente passare un vaglio politico. 


Acquisti a Piazza Affari e nel resto d'Europa

Così tra i molti desiderata raccolti in quello che il ministero dell'Economia ha definito un «documento di lavoro, non una bozza» spuntano due norme di condono edilizio, pensate per le regioni del Sud - per immobili già realizzati che però non contrastano con i piani regionali - ma anche la proposta di fondi per il trasporto pubblico ecologico per favorire autobus elettrici ma anche ascensori comunali e funicolari, che certo richiama alla mente il progetto della giunta Raggi per Roma Capitale. Nel lungo testo si trovano allora importanti conferme ma anche norme che solo il prossimo futuro potrà dire se entreranno nel maxi- decreto per il quale si ipotizza un consiglio dei ministri forse domenica sera o lunedì prossimo.

Un altro virus sta facendo il "salto di specie" a Hong Kong: quello dell'epatite che colpisce i topi

Vista la pioggia di idee da realizzare per il rilancio del Paese, tali da far apparire scarno un qualsiasi testo iniziale di una manovra di bilancio, non è escluso anche che i provvedimenti possano alla fine essere più di uno. Ci sono così gli ecobonus per gli interventi di efficienza energetica degli immobili, che viene ipotizzato al 120% (era questa la percentuale iniziale che però sarebbe poi scesa al 110%), con il meccanismo di cessione del credito alla ditta, ma anche il bonus baby sitter e centri estivi a 1.200 euro (2.000 per i medici impegnati nella battaglia Covid) e il tax credit di 500 euro per le vacanze delle famiglie a reddito medio basso (300 per quelle composte da due persone, 150 per i single), da utilizzare al 90% come sconto e al 10% come predisposto. C'è anche lo sconto del 70% sul costo di acquisto delle bici fino ad un massimo di 500 euro.

De Luca: «Non andate negli ospedali del nord»

Tra le novità che spuntano tra le proposte c'è invece il rimborso per gli abbonamenti di bus, metro, treni, vaporetti nei mesi di lockdown. Importanti anche le norme per rendere più agevoli i prestiti e la liquidità alle imprese: arriva l'autocertificazione per molti documenti e vengono definiti meglio molti reati, imponendo anche di indicare le finalità del prestito ed estendendo la pesa per alcune tipologie in funzione anti-furbi. Vengono semplificate, ed estese per 12 settimane, le norme per la Cig. Si ipotizzano anche sconti sui canoni delle concessioni autostradali, per adeguarli ai reali chilometri percorsi - pochi - in questo periodo. C'è poi l'idea di mettere un tetto al prezzo finale, comprensivo di Iva, delle diverse tipologie di mascherine e di gel. Il prezzo indicato per le mascherine chirurgiche è 1,5 euro, ma il Mise precisa che sul prezzo già fissato a 0,50 euro non si torna indietro.

Fase 2, il protocollo sanitario per la sicurezza nei 5 campus dell'Università Cattolica

Vengono indicate anche soglie anche per le altre tipologie ( fino a 9,5 euro per la Fpp3) e per i disinfettanti: dai 2 euro delle soluzioni a base analcolica (confezione fino a 400 ml) ai 7,20 euro delle confezioni grandi a base di ipoclorito di sodio (confezione da 1000 mld). Nel testo ci sono poi grandi capitoli, come gli 1,2 miliardi per la sanità territoriale, finalizzati anche alla gestione dei malati di Covid da tenere in isolamento, e poste più piccole per librerie, musee e fieri, per il settore turismo, per quello aereo, per le fondazioni liriche, per l'agriturismo, per la scuola. Un testo 'riccò che registra lo scatto di tutti i ministeri allo 'start' delle messa a punto e che bisognerà attendere ancora per capire quale misura taglierà concretamente il traguardo al varo del Consiglio dei Ministri.

I Navigli dopo l'appello di Sala, meno gente in giro e più controlli

L'ipotesi condono edilizio nel dettaglio. Una forma di sanatoria edilizia viene ipotizzata del documento di lavoro per la messa a punto del decreto rilancio. «I Comuni, sentite le Regioni e le Soprintendenze territorialmente competenti - si legge nel testo - predispongono ed approvano appositi Piani Attuativi di Riqualificazione Urbana con specifica attenzione ai valori paesaggistici». «Gli interventi edilizi già presenti sui territori interessati possono ottenere il permesso di costruire in sanatoria, se conformi ai predetti Piani». Inoltre il documento ipotizza una riformulazione delle norma sull'accertamento di conformità (il 36) del Testo Unico sull'edilizia. Esso prevede che «in caso di interventi realizzati in assenza di permesso di costruire o in difformità da esso, ovvero in assenza di SCIA, o in difformità da essa», il responsabile dell'abuso o il proprietario dell'immobile possa, fino all'irrogazione delle sanzioni amministrative, «richiedere il rilascio del permesso in sanatoria o presentare una SCIA in sanatoria, qualora l'intervento risulti conforme alla disciplina urbanistica ed edilizia vigente, sia al momento della realizzazione dello stesso, sia al momento della presentazione della domanda». Per quanto riguarda il primo tipo di sanatoria, la Relazione tecnica spiega che «la norma in questione ha come obiettivo principale quello di sbloccare, con una maggiore incisività per le regioni del mezzogiorno, lo stallo del settore unendo gli interventi di riqualificazione edilizia del patrimonio privato all'attuazione di specifici Piani di Riqualificazione, redatti ed approvati dalla Pubblica Amministrazione, che dovranno dettare precisi indirizzi per l'adeguamento del patrimonio esistente alle esigenze di qualità urbana sottesa all'interesse pubblico.Il tema della semplificazione dei procedimenti amministrativi deve qui essere inteso nei termini di sblocco totale di procedimenti storicamente incancreniti che, alla luce dei fatti, non trovano soluzione né in fantasiose ipotesi di gigantesche e inattuabili (economicamente e socialmente) campagne di abbattimenti né in ulteriori proposte di condoni edilizi generalizzati ma, con buona probabilità, in programmi mirati di riqualificazione in cui una vera sinergia pubblico-privato renda concretamente perseguibili gli interventi di adeguamento del patrimonio esistente ai suddetti Piani mediante il riconoscimento della semplice conformità urbanistica agli stessi».

LEGGI ANCHE --> Mobilità, bonus per bici e monopattini fino a 500 euro. De Micheli: «Allo studio per città con più di 50mila abitanti»
 

Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 10:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA