Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bonus 2022, guida ai contributi: dai condizionatori agli infissi, dallo psicologo alla tv. E c'è anche il contributo per chi adotta un cane

Tutti i bonus del 2022, dai condizionatori agli infissi, dallo psicologo alla tv, fino al bonus per chi adotta un cane
di Giusy Franzese
9 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Maggio 2022, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 22:00

Ormai sono così tanti che ogni volta che stiamo per sostenere una spesa non proprio irrilevante è bene controllare se rientra in uno dei numerosi bonus varati negli ultimi anni. Dalla lavastoviglie al condizionatore, dalle piante per il giardino ai rubinetti, dalla benzina al bonus trasporti pubblici, fino alle sedute dallo psicologo e a un bonus per chi adotta un cane da un canile. Gli ultimi due arrivati sono il bonus 200 euro per i nuclei familiari con un reddito fino a 35.000 euro l’anno e i nuovi incentivi per l’acquisto di veicoli poco inquinanti. Per le casse dello Stato il costo è più che significativo: 113 miliardi di euro nel biennio 2020-2022, secondo i calcoli fatti dalla Cgia di Mestre. Ecco una ricognizione delle principali agevolazioni.

BONUS 200 EURO

È stato varato con il dl Aiuti e serve per una dare una mano contro i rincari, non solo energetici. Il bonus 200 euro sarà corrisposto sotto forma di “una tantum” a luglio. Lo riceveranno i nuclei familiari con reddito Isee non superiore a 35.000 euro l’anno. Spetta a lavoratori dipendenti e autonomi, pensionati, stagionali, colf, stagionali e percettori del reddito di cittadinanza. Il bonus arriverà direttamente nelle buste paga di luglio di 13,7 milioni di lavoratori dipendenti e di 13,7 milioni di pensionati. Gli altri dovranno fare domanda all’Inps: lavoratori domestici (750 mila), disoccupati (1,1 milioni), co.co.co (270 mila), lavoratori stagionali, dello spettacolo o intermittenti (300mila), percettori del reddito di cittadinanza (900 mila). Per i lavoratori autonomi viene istituito un fondo ad hoc da 500 milioni per finanziare l’indennità una tantum.

Isee a pagamento da giugno, le dichiarazioni non saranno più gratis. «I Caf sono senza fondi»

Bonus casa, dai pannelli al mini-eolico: ecco tutti gli incentivi per tagliare la bolletta

INCENTIVI AUTO E MOTO

Dal 16 maggio scorso, con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, è partita la nuova tornata di incentivi per l’acquisto di auto e moto poco inquinanti. Sono validi i contratti con i concessionari stipulati a partire dal 16 maggio. La piattaforma che renderà operativa l’accettazione o meno della domanda entrerà in funzione il 25 maggio. Gli sconti che potranno essere ottenuti variano da 2.000 euro per i veicoli con motori tradizionali a basso impatto, fino a 5.000 euro per le auto 100% elettriche con rottamazione di un mezzo inferiore alla classificazione Euro5. Sono previsti incentivi anche per l’acquisto di moto e scooter con sconti tra il 30 e il 40% del prezzo di listino. BONUS VERDE Lo sconto per la sistemazione di giardini e terrazzi è valido anche nel 2022. L’agevolazione è stata prorogata fino al 2024. Si tratta di una detrazione Irpef del 36% sulle spese sostenute per la sistemazione a verde di aree condominiali o private. Rientrano nel bonus anche gli impianti di irrigazione e la realizzazione pozzi, le spese di progettazione e manutenzione se connesse all’esecuzione di questi interventi. La detrazione va ripartita in dieci quote annuali di pari importo e va calcolata su un importo massimo di 5.000 euro per unità immobiliare a uso abitativo. Pertanto, la detrazione massima è di 1.800 euro (36% di 5.000) per immobile. Il pagamento delle spese deve avvenire attraverso strumenti che ne consentano la tracciabilità (per esempio, bonifico bancario o postale). La detrazione non spetta per le spese sostenute per la manutenzione ordinaria periodica dei giardini preesistenti non connessa a un intervento innovativo o modificativo nei termini sopra indicati.

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

Il bonus mobili consiste in una detrazione Irpef del 50% per le spese sostenute sull’acquisto di mobili destinate ad abitazioni oggetto di ristrutturazione. Nella manovra il tetto massimo alle spesa è sceso a 10.000 € (prima era di 16.000 euro). Come spiega l’Agenzia delle entrate i lavori devono essere congiunti all’acquisto di elettrodomestici per fruire del beneficio. Tuttavia esiste un’eccezione, ma solo ad una particolare condizione.

BONUS CONDIZIONATORI 2022

 Il bonus condizionatori 2022 è stato confermato dalla legge di bilancio e consente di ottenere una detrazione fiscale fino al 65% sul nuovo impianto di climatizzazione. Nel dettaglio, l’incentivo varia dal 50 al 65%, a seconda che si ricorra a bonus ristrutturazione e bonus mobili (al 50%) o all’Ecobonus (al 65%). Tuttavia, è anche possibile far rientrare la spesa del condizionatore nel Superbonus 110%. Se per il 2021 il tetto di spesa su cui calcolare la detrazione era pari a 16.000 euro, per il 2022 nel caso del bonus mobili è stato fissato a 10.000 euro.

BONUS PANNELLI FOTOVOLTAICI

I pannelli fotovoltaici rientrano tra i cosiddetti lavori trainati del superbonus 110%, sia quello per l’efficientamento energetico che quello per il miglioramento sismico. Se ci si ritrova in questa situazione quindi si potranno installare i pannelli fotovoltaici praticamente a costo zero attivando lo sconto in fattura da parte della ditta che esegue i lavori, o optando per la cessione del credito in banca. Altra possibilità, la detrazione fiscale in quattro anni. Si possono installare i pannelli solari anche sfruttando il bonus ristrutturazione che consente una detrazione del 50% per un importo fino a 96 mila euro da suddividere in 10 quote annuale di pari importo.

BONUS INFISSI

Fra gli ecobonus rinnovati dal governo, c’è anche quello che permette di sostituire porte e finestre, per ottenere una maggiore efficienza energetica in casa. In pratica si tratta di una detrazione fiscale pari al 50% delle spese sostenute per l’intervento, fino ad un massimo di 60.000 euro. Tale agevolazione potrà essere utilizzata in diminuzione delle tasse da pagare oppure tramite sconto in fattura, da parte dell’impresa che svolge l’intervento. Ricordiamo inoltre che per ottenere il credito, i nuovi infissi devono sostituire quelli già esistenti.

BONUS TENDE DA SOLE

Acquisto e montaggio di tende da sole rientrano fra le agevolazioni per la riqualificazione energetica della casa previste nella legge di bilancio 2022. Si tratta di una detrazione del 50% fino a 60.000 euro, rispetto al prezzo di acquisto e posa in opera di schermature solare interne o esterne. Questo credito è utilizzabile in diminuzione delle tasse da pagare, in 10 quote di uguale importo. In alternativa è possibile fruire dello sconto immediato in fattura. In ogni caso il pagamento deve avvenire tramite mezzi tracciabili.

BONUS ASCENSORI

È prevista anche una detrazione del 75% sulle spese sostenute per la rimozione delle barriere architettoniche nelle abitazioni. Cioé con l’installazione di ascensori o montacarichi, ma anche per lo smaltimento di vecchi impianti già esistenti. In base al tipo di abitazione su cui si svolgono questi lavori, la manovra 2022 ha stabilito un tetto massimo di spesa. Il credito ottenuto poi potrà essere portata in detrazione in cinque rate annuali.

BONUS IDRICO 2022

È il contributo per risparmiare il consumo acqua con nuovi sistemi di filtraggio.  La domanda per questo incentivo può essere presentata a partire da gennaio 2022, sulla piattaforma online realizzata da Sogei. Alla domanda bisogna allegare tutti i documenti richiesti, incluso l’iban bancario su cui verrà accreditato l’importo spettante.

LAVORI EDILIZI

Restano poi in vigore, per chi deve effettuare sul proprio immobili lavori di ristrutturazione, il bonus facciata (l’agevolazione scende però dal 90 al 60%), il bonus ristrutturazione per gli interventi che non rientrano nel superbonus (detrazioni del 50% per la ristrutturazione, in caso di lavori effettuati dall’inizio di gennaio 2022 e fino al termine del 2024, entro il limite di 96.000 euro) e il superbonus al 110% per l’efficientamento energetico e per la riduzione del rischio sismico.

FAMIGLIA

Moltissime poi sono le agevolazioni per i nuclei familiari, dall’assegno unico per i figli al bonus affitto giovani o per l’acquisto della prima casa per gli under 36 (esenzione del pagamento dell’imposta di registro e catastale. Riconoscimento di un credito d’imposta per un importo pari all’iva versata). Per chi ama gli animali e ha in casa un cane o un gatto, o anche un coniglio o un canarino, ecc, si ricorda che le spese del veterinario possono essere detratte dalla dichiarazione dei redditi con un tetto massimo annuale.

BONUS ADOZIONE CANE

Per ora sono solo iniziative sporadiche. Come quella dell’Unione montana dei Comuni del Mugello che ha deciso di aiutare chi adotterà un cane abbandonato, con cifre che variano dai 400 euro a 100 euro a seconda dell’età del cane: più è anziano, più alto sarà il bonus.

BONUS DOCENTI

Da settembre un nuovo bonus di 500 euro per i docenti. I soldi saranno versati nella carta del docente per acquistare libri, riviste, corsi, biglietti per teatri e cinema, musei, mostre, eventi culturali. I soldi non spesi precedentemente, quindi nell’anno 2021, si perdono, ovvero si riparte da zero. 

BONUS CULTURA

È l’incentivo da 500 euro che spetta agli studenti di 18 anni (nati nel 2003), rinnovato e reso strutturale nella legge di bilancio 2022. Consiste in voucher attivabile dal 17 marzo 2022, tramite registrazione sulla piattaforma online 18App, per chi possiede i requisiti previsti. Il buono spesa può essere utilizzato per acquistare libri, partecipare ad eventi culturali e molto altro. E’ nominativo e si può usare nei negozi fisici aderenti e anche su Amazon, fino ad esaurimento importo o alla scadenza.

BONUS PSICOLOGO

Consiste in un contributo fino a 600 euro, approvato con un emendamento al decreto milleproroghe, per sostenere le spese per andare dallo psicologo nel 2022. In pratica è un aiuto per curare i disagi certificati da un medico, causati dalle conseguenze della pandemia. Spetta a tutti gli italiani senza limiti di età, se in possesso di un Isee fino a 50.000 euro. L’importo del contributo sarà crescente al decrescere del reddito.

BONUS MATRIMONIO

Per il settore wedding, a livello nazionale sono previsti dei sostegni che riguardano le imprese che organizzano matrimoni e hanno registrato perdite. Mentre per gli sposi attualmente esistono solo bonus regionali. Ad esempio il bonus matrimonio Lazio prevede un contributo fino a 2.000 euro per aiutare le coppie residenti nella regione a sostenere le spese delle nozze. Il contributo può essere richiesto online e riguarda chi si sposa entro il 31 dicembre 2022.

BONUS PATENTE

Con il DL Infrastrutture, il governo Draghi ha introdotto un contributo del 50% (fino a 1.000 euro) sulle spese sostenute per prendere la patente. I destinatari della misura sono: i giovani fino a 35 anni i percettori del reddito di cittadinanza o della disoccupazione. L’incentivo è riconosciuto fino al 30 giugno 2022. Per ottenerlo il richiedente deve dimostrare di voler lavorare nel settore del trasporto auto, ovvero presentare un contratto di lavoro da conducente della durata di almeno 6 mesi.

BONUS TV

È un incentivo del Mise per l’acquisto di televisori o decoder, per consentire la visione con i nuovi standard di trasmissioni del digitale terrestre. La misura in vigore fino al 31 dicembre 2022, è stata rifinanziata nella legge di bilancio con nuove risorse, per evitare di esaurirle in breve tempo. Semplicemente si tratta di uno sconto applicato dal fornitore direttamente sul prezzo di acquisto di una smart tv o di un decoder.

BONUS INTERNET

Consiste in un voucher per la digitalizzazione rivolto a imprese e partite iva. Il contributo previsto dal Mise arriva fino a 2.500 euro in favore di chi sottoscrive abbonamenti ad internet veloce. L’ammontare del contributo varia in base a vari fattori individuati dal Mise. In generale lo scopo di questo incentivo è quello di migliorare la velocità di connessione delle attività. Il buono si può richiedere fino al 15 dicembre 2022 direttamente agli operatori accreditati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA