Blockchain, mercato italiano stabile: 28 milioni di euro di investimenti

Blockchain, mercato italiano stabile: 28 milioni di euro di investimenti
3 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Gennaio 2022, 13:45

(Teleborsa) - Il mercato italiano della Blockchain stenta a decollare. Gli investimenti delle aziende in questo campo sono stati pari a 28 milioni di euro nel 2021, più o meno stabili rispetto ai 23 milioni del 2020 e ai 30 milioni del 2019. Al contrario, a livello globale nel 2021 si sono registrate 370 iniziative (progetti e annunci) sviluppate da aziende e pubbliche amministrazione, in aumento del 39% rispetto al 2020, che hanno portato a 1.615 il totale dei casi censiti dal 2016 ad oggi. È quanto emerge da una ricerca dell'Osservatorio Blockchain e Distributed Ledger della School of Management del Politecnico di Milano.

In Italia il settore più attivo si conferma quello finanziario e assicurativo, con il 50% degli investimenti. Seguono la pubblica amministrazione (15%), in forte crescita anche grazie allo sviluppo dell'Italian Blockchain Service Infrastructure, l'agroalimentare (stabile all'11%) e le utility (10%). In continuità con il 2020, il mercato italiano è focalizzato soprattutto sullo sviluppo di progetti pilota e sull'evoluzione di quelli già in produzione: solo il 13% degli investimenti riguarda Proof of Concept o attività di formazione. I consumatori italiani sono sempre più orientati all'utilizzo delle applicazioni Blockchain, in particolare le criptovalute: il 12% degli italiani ha già acquistato Bitcoin o altre criptocurrencies, il 17% è interessato a farlo in futuro, mentre il 58% le conosce ma non è interessato a possederle e solo il 13% non le conosce affatto.

"Il mondo Blockchain continua ad attrarre l'interesse di istituzioni, aziende e media - ha spiegato Valeria Portale, direttore dell'Osservatorio Blockchain e Distributed Ledger - Le criptovalute sono ormai diffuse anche tra gli attori tradizionali del mondo finanziario e dei pagamenti, che valutano di integrarle nell'offerta anche come forma di investimento. Sono esplosi gli NFT, che presto potranno essere sfruttati anche nel metaverso". "Sempre più aziende si stanno avvicinando alla tokenized economy, in cui prodotti, asset finanziari e digitali verranno scambiati sotto forma di token - ha aggiunto - E molte stanno lanciando progetti basati piattaforme DLT e smart contract. In questo scenario, la Blockchain si sta affermando come la tecnologia che guiderà la nuova evoluzione di Internet, il Web3".

Seppure la tecnologia sia nata per permettere lo scambio di valore peer-to-peer in assenza di intermediari, l'utilizzo della Blockchain si è ormai diversificato a molte applicazioni, spiega il rapporto. Innanzitutto, quelle basate sullo scambio di valore del cosiddetto "Internet of Value" (criptovalute, stablecoin e CBDC, le monete virtuali promosse dalle banche centrali). A livello internazionale, i progetti di Internet of Value censiti ad oggi sono complessivamente 180, il 24% del totale, e nel 2021 evidenziano una crescita del 85% rispetto al 2020.

Un secondo ambito di applicazione è quello dei progetti in cui i processi di business tradizionali vengono replicati utilizzando tecnologie Blockchain. A livello internazionale si contano circa 500 progetti implementativi sviluppati da aziende e pubbliche amministrazioni (il 67% del totale censito dal 2016) e nel 2021 hanno registrato un calo del 19%. Sono invece 71 i progetti di Decentralized web sviluppati a livello internazionale, il 9% del totale di quelli censiti, tra applicazioni decentralizzate (DApp) e NFT. L'ecosistema di applicazioni decentralizzate più interessante continua ad essere quello del DeFi (Decentralized Finance), sviluppate su piattaforme permissionless per l'offerta di servizi e prodotti finanziari: il totale del valore investito in queste applicazioni ha superato i 250 miliardi di dollari nel 2021 (+1.250% rispetto a inizio anno).

© RIPRODUZIONE RISERVATA