Banca Mediolanum, coefficienti patrimoniali largamente superiori ai requisiti chiesti da Bce

Il direttore generale Gianluca Bosisio: «A fine novembre la raccolta netta totale aveva superato 7 miliardi di euro»

Gianluca Bosisio, direttore generale di Banca Mediolanum
2 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Dicembre 2022, 10:20 - Ultimo aggiornamento: 26 Dicembre, 16:00

Il 2022 è stato un anno complesso, eppure da gennaio Banca Mediolanum ha maturato ormai stabilmente i requisiti patrimoniali per entrare nel novero delle banche significative in Europa: da inizio anno, quindi, Banca Mediolanum è soggetto vigilato direttamente dalla Banca centrale europea. Il 16 dicembre scorso, inoltre, la Bce ha reso noti i requisiti minimi di capitalizzazione, ebbene i coefficienti patrimoniali della banca guidata da Massimo Doris risultano abbondantemente superiori a quei requisiti, un indubbio segnale della solidità del gruppo. Basti dire al 30 settembre il Total Capital Ratio era pari al 20,73% a fronte del 13% chiesto dalla Bce. Ciò spiega perché Banca Mediolanum continua ad attrarre nuovi clienti. Giusto per avere dei numeri, a fine novembre i clienti del gruppo (sia in Italia che in Spagna) avevano raggiunto quota 1.679.500, ovvero 155.100 clienti in più in 11 mesi. Dice Gianluca Bosisio, direttore generale di Banca Mediolanum: «Grande soddisfazione per i risultati del 2022. A fine novembre la raccolta netta totale aveva superato 7 miliardi di euro, di cui 5,2 in raccolta netta gestita, dati in linea con il nostro anno record, il 2021, che ci collocano tra le prime posizioni nella classifica di Assoreti».

Aggiunge Bosisio che si tratta di risultati arrivati in un anno complesso per diversi motivi, non ultimo per la perdita del fondatore Ennio Doris. «Nonostante questo - spiega il dg di Banca Mediolanum - i valori dell’istituto e la comunione di intenti tra family banker e professionisti di sede hanno permesso di gestire brillantemente il momento, con la fiducia dei nostri clienti, la cui soddisfazione ha decretato Mediolanum la banca più consigliata dai propri clienti». Sempre a fine novembre sono stati erogati 3,58 miliardi di finanziamenti, superando il record dell’anno scorso e la raccolta di premi in polizze protezione si è attestata a 165 milioni. Guardando ai dati Assoreti, Banca Mediolanum rappresenta da sola il 98% dei premi assicurativi e l’80% dei prestiti personali.

L. Ram.

© RIPRODUZIONE RISERVATA