Autostrade, lo spagnolo Perez offre 10 miliardi per quota Atlantia. Titolo in volo

Autostrade, lo spagnolo Perez offre 10 miliardi per quota Atlantia. Titolo in volo
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Aprile 2021, 16:15 - Ultimo aggiornamento: 9 Aprile, 14:32

Lo spagnolo Florentino Perez ha scritto ai vertici di Atlantia per manifestare l'interesse ad acquistare una quota rilevante nel concessionario italiano. Lo spagnolo, numero uno del gruppo di infrastrutture Acs, avrebbe offerto 10 miliardi di euro per comprare la quota di Atlantia in Aspi, secondo quanto riporta il Financial Times.

Il consiglio di amministrazione di Atlantia ha successivamente confermato di aver ricevuto una manifestazione di interesse dal gruppo Acs per l'acquisto di una partecipazione nel capitale di Aspi, in consorzio con altri investitori nazionali ed internazionali. Riunitosi oggi sotto la presidenza di Fabio Cerchiai, il board di Atlantia ha anche avviato l'esame dell'offerta vincolante per l'acquisto dell'intera partecipazione dell'88% detenuta in Autostrade per l'Italia presentata il 31 marzo 2021 dal consorzio formato da Cdp, Blackstone e Macquarie. Il cda, in merito a entrambe le proposte, ha detto che "proseguirà le proprie analisi nelle successive riunioni che saranno convocate nei prossimi giorni per le necessarie determinazioni in merito".

"Data la stretta relazione tra i nostri gruppi in seguito all'acquisizione congiunta di Albertis, Acs ha seguito la situazione Aspi negli ultimi mesi e riteniamo che sia un asset molto interessante che si adatta perfettamente alla strategia a lungo termine di Acs", ha scritto Perez nel lettera, aggiungendo che il gruppo sarebbe disposto ad accogliere altri investitori nella sua offerta, tra cui Cdp.

L'interesse di Perez per il dossier Atlantia non era nascosto, visto che l'imprenditore spagnolo lo aveva già fatto intendere in alcune interviste rilasciate nelle scorse settimane. A seguito della notizia il titolo di Atlanti ha spiccato il volo a Piazza Affari, dove è in rialzo del 4,34% a quota 16,49.

"Come azionista di peso di Atlantia, accogliamo con favore l'offerta di Acs. L'offerta è ampiamente superiore all'offerta fatta da Cdp e dai suoi partner", è invece il commento di Jonathan Amouyal, partner del fondo Tci, azionista di Atlantia. "Il governo italiano dovrebbe permettere ad Aspi di essere venduta al più alto offerente senza alcuna interferenza politica - aggiunge -. Ci aspettiamo che il cda di Atlantia agisca nel migliore interesse degli azionisti e si impegni subito, con indipendenza e professionalità ad esaminare l'offerta di Acs".
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA