Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Appello al governo per una maggiore
​trasparenza negli appalti sanitari

Materiale sanitario
1 Minuto di Lettura
Venerdì 8 Maggio 2020, 20:22

Il contesto emergenziale creato dalla pandemia ha esposto il settore sanitario a rischi corruttivi ancora maggiori rispetto al passato, situazione acuita dalla decisione di sospendere i controlli in entrata sulle aziende che partecipano alle gare d’appalto per la produzione di dispositivi sanitari.

È questo il grido d’allarme lanciato da Federico Anghelé, direttore di The Good Lobby Italia e Davide Del Monte, direttore di Transparency International Italia, in occasione dell’incontro “Covid19: come impedire la corruzione nella sanità”.

The Good Lobby Italia e Transparency International Italia indicano nella scelta di procedere prima all’assegnazione dei contratti per il materiale sanitario e solo dopo alla verifica sulle aziende il vero errore di metodo perché, al contrario di una velocizzazione del processo si è ottenuto l’effetto opposto, ossia un allungamento dei tempi generato dall’assegnazione di commesse a società inesistenti, incapaci di soddisfare le richieste o, successivamente, ritenute irregolari. È mancato quindi il buon senso, situazione confermata dall’avere assegnato appalti e commesse a società che mai si erano occupate di produzione – o importazione – di materiale sanitario.

© RIPRODUZIONE RISERVATA