Allarme Federconsumatori sulla nuova tassa auto: lievita il costo per acquistare e mantenere un'auto

Venerdì 7 Dicembre 2018
(Teleborsa) - Tempi duri per chi ha in programma, nel prossimo futuro, di acquistare un'auto. Stando a quanto disposto dalla bozza della Legge di Bilancio, nel 2019 dovrebbe entrare in vigore (per i prossimi tre anni) un'imposta crescente (dai 150 ai 3.000 euro) per chi acquisterà un'auto nuova con emissioni superiori ai 110 g. al km di CO2.

Chi, invece, acquisterà un'auto con emissioni tra 0 e 90 g. al km di CO2 beneficerà di un incentivo da 1.500 euro a 6.000 euro, acquistando cioè un modello da scegliere tra il 7% circa delle auto in commercio. Per le emissioni tra 90 e 110 g. al km il prezzo rimarrà invariato, ovvero per circa il 30% delle auto in commercio.

NECESSARIA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI MA...- "Pur essendo d'accordo sulla necessità di una riduzione delle emissioni, per salvaguardare l'ambiente e preservare un pianeta sempre più afflitto dai gravi danni che l'inquinamento ha causato, non crediamo sia giusto imporre una tassa simile", afferma Emilio Viafora, Presidente di Federconsumatori.

ECO INCENTIVI ADEGUATI - Per questo, si legge ancora nella nota rilasciata dall'associazione, ci aspettiamo un ripensamento del Governo su tale misura, invitandolo a concentrarsi sulla disposizione di eco-incentivi adeguati e necessari a rinnovare il parco auto degli italiani, aiutando così l'ambiente e, allo stesso tempo, dando una spinta al mercato ed all'intero settore automobilistico, con un conseguente impulso importante al mercato occupazionale. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti