ALITALIA

Alitalia, i piloti di Fnta: inspiegabile la cancellazione del volo Roma-New York

Lunedì 4 Maggio 2020
Fnta, organizzazione che raggruppa i sindacati del personale navigante Anpac, Anav e Anp, ha appreso ieri domenica 3 maggio la notizia della chiusura, temporanea, da parte di Alitalia, del voli AZ 608/609 Roma-New York-Roma, ultima tratta di lungo raggio della compagnia ancora esistente, peraltro proprio in contemporanea all'avvio della Fase 2 dell'emergenza Covid-19 indicata dal Governo e dalle Regioni come il momento dell'inizio della ripresa.

A nome del personale navigante Alitalia è necessario puntualizzare che si ritiene tale decisione assolutamente inspiegabile e non condivisibile, sia in termini commerciali - ricordiamo che, oltre al traffico passeggeri esiste al momento una forte domanda di cargo - che di opportunità, poiché così si privano i cittadini italiani dell'unico collegamento diretto ancora esistente tra Italia e Usa.

Tale cancellazione prevede che i passeggeri vengano dirottati sui voli operati da Air France-Klm, operazione chiaramente in controtendenza rispetto all'idea, tanto pubblicizzata, di una compagnia aerea al servizio del Paese Italia. Questo a riprova di come il ruolo di Alitalia nell'ambito dell'alleanza Skyteam sia ancora, come spesso in passato, subordinato agli interessi di Air France-Klm.

Fnta, inoltre, in relazione ad alcuni articoli di stampa usciti nella mattinata, comunica che piloti e assistenti di volo erano del tutto estranei alla decisione aziendale di interrompere i collegamenti verso gli Usa e smentiscono categoricamente l'indisponibilita` degli equipaggi ad effettuare tali voli. Precisa inoltre che simili affermazioni mettono in dubbio la professionalita` e la dedizione di quanti nonostante l'emergenza sanitaria hanno continuato ad operare al massimo delle proprie possibilita` per garantire la mobilita` dei cittadini italiani.

  Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani