Acquainbrick, l'acqua in cartone arriva su Mamacrowd

Acquainbrick, l'acqua in cartone arriva su Mamacrowd
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Novembre 2020, 13:15

(Teleborsa) - Non più con bottigliette in plastica, ma con brick in cartone, più precisamente in tetrapak. È in questo modo che in futuro, secondo l'azienda modenese Acquainbrick, si berrà l'acqua quando si è fuori casa. La startup ha infatti l'obiettivo di intervenire sulla ridefinizione del concetto di "acqua da passeggio", in gergo on-the-go, e sensibilizzare le scelte dei consumatori grazie a un pratico contenitore totalmente riciclabile e personalizzabile, composto per oltre il 70% da materiale prima di origine vegetale.

Per raggiungere questo scopo, la società ha lanciato la sua prima raccolta fondi su Mamacrowd, la prima piattaforma italiana di equity crowdfunding per capitale raccolto. La visione che sta alla base di questo progetto sta nel definire nuovi canoni del consumo per il settore beverage, sdoganando definitivamente un packaging già riconosciuto come il tetrapak anche per contenere un bene semplice, come l'acqua.

Creata da 5 imprenditori modenesi nel novembre 2019 insieme con la prima azienda al mondo che commercializza acqua in cartone, l'iberica LY Company, Acquainbrick punta ad aprire la produzione italiana nelle colline tosco-romagnole di Marradi, per garantire una maggior diffusione del prodotto nel nostro Paese. Per sostenere questo passaggio, e investire in comunicazione a supporto della cultura di questo moderno approccio all'idratazione in movimento, Acquainbrick ha avviato la raccolta di equity crowdfunding su Mamacrowd, online dal 12 novembre.

"Gli investitori, privati o aziende, che entreranno in partnership con noi potranno beneficiare di agevolazioni fiscali, sconti e forniture gratuite di acqua in cartone. In collaborazione con ZeroCO2 regaleremo a tutti i nostri soci anche un albero, che ha ovviamente valore simbolico, per suggellare la partnership - ha commentato Christian Creati, CEO di Acquainbrick - L'obiettivo minimo della campagna è di 80mila euro, fino ad un massimo di 350mila, investendo buona parte del ricavato per puntare alla massima esposizione mediatica nel 2021. Metteremo a disposizione tipologie di quote differenziate e acquistabili a partire da 250 euro, quindi investimenti per tutte le tasche".

© RIPRODUZIONE RISERVATA