Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

ABN Amro, utili in aumento e sopra le attese nonostante aumento costi

ABN Amro, utili in aumento e sopra le attese nonostante aumento costi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Agosto 2022, 12:15
(Teleborsa) - La banca olandese ABN Amro ha chiuso il secondo trimestre del 2022 con un utile netto di 475 milioni di euro, in aumento del 21% rispetto allo stesso periodo del 2021 e superiore alle attese degli analisti per 312 milioni di euro, secondo un consensus compilato dall'azienda. Il ROE si è assestato all'8,8%. Il margine di interesse è sceso del 3% a 1,27 miliardi di euro, principalmente a causa delle minori penali di rimborso anticipato sui mutui e dei maggiori costi di copertura. Le commissioni sono aumentate del 12% su base annua a 448 milioni di euro, grazie ai maggiori volumi di transazioni nei pagamenti e agli ottimi risultati nel Clearing.

L'istituto ha registrato un aumento dell'8% dei costi operativi nel secondo trimestre, trainato dall'aumento dei costi delle iniziative antiriciclaggio e degli investimenti relativi alle modifiche normative.

"Sono lieto che ora la BCE ha aumentato il suo tasso di interesse, possiamo smettere di addebitare ai nostri clienti tassi negativi sui loro risparmi a partire da ottobre - ha commentato il CEO Robert Swaak - In queste difficili circostanze, siamo in una buona posizione per sostenere i nostri clienti, mentre continuiamo a trasformare la banca verso un'organizzazione più incentrata sul cliente e semplificata".

"La qualità del credito è buona e le svalutazioni hanno mostrato un rilascio di 62 milioni di euro, riflettendo il miglioramento dei crediti deteriorati - ha aggiunto - Non vediamo ancora alcun segno di deterioramento del contesto creditizio e prevediamo che il costo del rischio per il 2022 rimarrà al di sotto del costo del rischio lungo tutto il ciclo di circa 20 punti base".



© RIPRODUZIONE RISERVATA