A.Mittal, Conte: "In italia regole si rispettano". Azienda a sindacati: Pagati fornitori strategici

Giovedì 21 Novembre 2019
(Teleborsa) - Sale la tensione in vista dell'incontro di domani, venerdì 22 novembre, tra il Presidente del Consiglio Conte e i Mittal, nel corso del quale "diremo una cosa molto semplice: in Italia le regole si rispettano", lo ha anticipato il Premier rilanciando quanto già detto a margine dell'assemblea dell'Anci ad Arezzo, inviando un messaggio forte e chiaro ai vertici dell'azienda.

Intanto, nella giornata di ieri, stando a quanto appreso, l'Ad di ArcelorMittal Italia, Lucia Morselli, ha comunicato di aver pagato al 100% tutti i fornitori strategici dello stabilimento, mentre a tutti i fornitori italiani del settore dell'autotrasporto è stato corrisposto un acconto del 70% sull'ammontare complessivo preteso, fatture scadute e in scadenza. Arcelormittal ha informato anche Confindustria Taranto.

Domani in Consiglio dei Ministri arriveranno "alcune proposte" per Taranto, per tentare di risolvere la situazione dell'Arcelor Mittal. E misure verranno suggerite anche dal MiSE, ha assicurato il Ministro dello Sviluppo Economico Patuanelli sottolineando che si faranno "valutazioni su come accelerare gli interventi previsti all'esterno dello stabilimento" dell'ex Ilva "perché bisogna dare risposte ai cittadini che da anni attendono ricadute positive sul territorio". "C'è un miliardo circa del contratto istituzionale di sviluppo da far ricadere sul territorio in tempi rapidi anche con una legge speciale", ja aggiunto.

Intanto, nel corso dell'ispezione dei commissari, è emerso come le riserve per far andare avanti la fabbrica "siano al minimo". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma