Irpef, le scadenze: rimborso o aggravio, il meccanismo di fine anno

Irpef, le scadenze: rimborso o aggravio, il meccanismo di fine anno
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Dicembre 2020, 14:57 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 15:34

È una procedura che si ripete ad ogni fine anno: il conguaglio serve ad allineare il prelievo effettuato mese per mese dal sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente previdenziale per i pensionati) con la situazione più definitiva che viene verificata a dicembre. Nel caso in cui l’importo complessivo risulti inferiore al dovuto scatterà una trattenuta, se l’esito è di segno opposto ci sarà invece un rimborso. La differenza dipende spesso da elementi di cui il sostituto non è a conoscenza, al di là della retribuzione (o pensione) erogata: ad esempio altri redditi, compresi quelli che possono derivare da precedenti rapporti di lavoro, oppure detrazioni particolari a cui il contribuente ha diritto. Può essere quindi interesse di quest’ultimo comunicare per tempo le tutte informazioni, ad esempio per evitare che gli altri redditi percepiti facciano scattare a fine anno maggiori trattenute. Di regola il datore di lavoro o l’ente previdenziale ai fini del calcolo dell’imposta tengono conto mese per mese, oltre che delle somme da loro erogate, delle detrazioni familiari che spettano al dipendente, quando questo ha provveduto a comunicare la presenza di figli o ad esempio di un coniuge a carico.

Irpef, conguaglio "morbido" per i redditi falciati dal virus

La pensione di scorta si sgonfia. E va peggio per i meno giovani

L'assemblea di Assofondopensioni: fisco più leggero per rilanciare le adesioni

L'impegno delle aziende: in un anno investiti quasi 1,8 miliardi di euro in Corporate social responsability

I TEMPI

 Il conguaglio avviene con la retribuzione di dicembre, che per legge deve essere percepita entro il 12 gennaio dell’anno successivo. Ma naturalmente non è l’ultima parola per quanto riguarda i rapporti di dipendenti e pensionati con il fisco. C’è l’appuntamento annuale con la dichiarazione dei redditi che da quest’anno prevede una tempistica più ampia: è infatti possibile presentare il modello 730 a partire dal mese di maggio fino al 30 settembre. In dichiarazione il lavoratore potrà far valere tutte le detrazioni a cui ha diritto (di cui, come si diceva, normalmente il sostituto d’imposta non è al corrente); ma allo stesso tempo influiranno sul calcolo dell’imposta tutti i redditi, compresi quelli di altri datori (con le rispettive certificazioni) oppure da lavoro autonomo, collaborazioni, affitti e così via.

© RIPRODUZIONE RISERVATA