Terremoto Ing: stop ai contanti chiusi Atm e casse automatiche

Terremoto Ing: stop ai contanti chiusi Atm e casse automatiche
1 Minuto di Lettura

Ora le banche non vogliono più il contante. La prima a muoversi in questa direzione è stata l’olandese Ing, generando una piccola scossa di terremoto: l’istituto, con oltre 1,3 milioni di clienti in Italia, a partire da luglio chiuderà tutti i propri Atm e le casse automatiche. Risultato: i clienti Ing potranno prelevare contanti in futuro solo dagli sportelli Atm di altri istituti bancari. Mentre per versare gli assegni bisognerà ricorrere agli invii per posta, possibilmente assicurata. Il fatto che a imboccare questa strada non sia stata una banca esclusivamente digitale (Ing vanta una solida presenza fisica su tutto il territorio nazionale) ha colto ancora più di sorpresa. Insomma, altri istituti di credito con un modello misto come quello della banca olandese potrebbero adottare soluzioni simili in futuro. Più nel dettaglio, l’olandese Ing taglierà 7 dei suoi punti fisici, passando da 30 a 23. Ci saranno 6 hub distribuiti nelle maggiori città, come Roma, Milano e Napoli, dove ottenere consulenza e supporto su tutti i prodotti e servizi. A questi si sommeranno 17 Arancio Store (sono 4 quelli di prossima apertura mentre 13 sono già attivi) gestiti da liberi professionisti monomandatari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 5 Maggio 2021, 13:00 - Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 14:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA