Trivelle, via libera a ricerche gas nell'Adriatico

Martedì 13 Marzo 2018
(Teleborsa) - Il Consiglio di Stato respingendo i ricorsi presentati dalla Regione Abruzzo, Emilia Romagna e Puglia, contro il ministero dell'Ambiente e la società Spectrum Geo Lfd, ha dato il via libera alla prosecuzione di attività di trivellazione, ovvero di prospezione e ricerca di gas al largo della costa adriatica.

Sbloccate quindi le ricerche con il metodo "air gun" letteralmente "pistola ad aria" che permette di utilizzare la pressione dell'aria per creare piccoli sommovimenti nel sottosuolo marino e consente di captare dei segnali per capire se c'è presenza di gas o petrolio.

La sentenza arrivata dal Consiglio di Stato riguarda l'intera costa adriatica, per un totale di circa 30 mila chilometri quadrati: la prima di 13.700 chilometri quadrati, da Rimini a Termoli, e la seconda di 16.210 chilometri quadrati, da Rodi Garganico a Santa Cesarea Terme. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Basta con l'oltraggio ultrà al centro di Roma

di Alvaro Moretti