Tria e la manovra con la coperta che è davvero corta

Lunedì 17 Settembre 2018
(Teleborsa) - I due vice premier, Salvini e Di Maio fissano le priorità della manovra di bilancio. Il leader leghista dice sì al reddito di cittadinanza ma "se non è fatto per stare a casa a guardare la tv", mentre l'uomo pentastellato benedice la flat tax purché non "aiuti i ricchi".

I due politici negano dunque tensioni in seno al governo giallo-verde, giurando amore, non eterno, ma che duri almeno cinque anni.

"Il mio obiettivo è che le partite IVA, quelle piccole, quelle che fatturano 65, 70, 80mila euro, già dal prossimo anno paghino il 15% di tasse e non di più" - afferma Salvini a Domenica Live - che sul reddito di cittadinanza precisa "nel contratto c'è ed è giusto che ci sia perché è un cavallo di battaglia dei Cinque Stelle".

"Sono d'accordo ad abbassare le tasse, chi è che non è d'accordo. La condizione che abbiamo posto la Lega è che la flat tax non aiuti i ricchi, ma la classe media e le persone più disagiate che pagano le tasse da una vita" - rilancia Di Maio da Nola ricambiando la cortesia dell'alleato.

Non passa inosservato tuttavia il commento dell'uomo della Lega sul fronte delle pensioni, Alberto Brambilla, in particolare sulle pensioni di cittadinanza dei cinque stelle. "Spacchiamo il sistema" - afferma - riferendosi alla possibilità di portare da gennaio le minime a 780 euro, annunciata dal viceministro pentastellato, Laura Castelli. "Se fossi un artigiano, un commerciante, un imprenditore, non verserei più, tanto se poi devo prendere 780 euro. Spacchiamo il sistema". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dieci città cinesi da Fiumicino, invasione di turisti del Dragone

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma