Saipem, la cura dell'AD Cao funziona. E la Borsa premia il titolo

Lunedì 10 Settembre 2018
(Teleborsa) - "Saipem ha vissuto i suoi primi 60 anni come contrattista di successo e fornitore di servizi. Il prezzo del petrolio impone di essere più efficienti. Abbiamo così riorganizzato la società su base divisionale. Negli ultimi mesi abbiamo annunciato una serie di successi commerciali che hanno supportato la svolta. L'ultimo è lo sviluppo del giacimento Liza, il progetto operato da Esso Exploration & Production Guyana
Limited, controllata di ExxonMobil. Stiamo portando avanti una diversificazione geografica e di prodotto".

Dalle colonne del Corriere della Sera, Stefano Cao Amministratore Delegato di Saipem, spiega come è cambiata la compagnia ingegneristica che nei servizi petroliferi resta leader. "Ci stiamo trasformando in un global solution provider e a ciò contribuisce anche la nostra divisione Xsight che si occupa di ingegneria di alta gamma. Questo risponde all'esigenza di offrire servizi caratterizzati
dall'innovazione tecnologica e dall'eccellenza del Made in Italy. Nella parte off-shore Saipem è stata ed è considerata uno dei leader nel
mercato per sviluppi complessi e tecnologicamente avanzati in acque profonde. La nuova nave acquistata è un elemento indispensabile per restare protagonisti. Il business onshore è stato ripensato per tipologia e aree geografiche. Abbiamo avviato anche un profondo ripensamento della divisione perforazione terra e mare, per la quale stiamo valutando alleanze per aggiungere valore a questo business che risente della crisi. Stiamo valutando delle joint-venture".

In un anno titolo su del 36%
La borsa sta premiando il titolo Saipem. Alla domanda "Cosa è successo?" Cao risponde: "Non commento, per cultura personale, l'andamento del titolo di Borsa, ma posso fare un'analisi del mercato in cui opera Saipem. Siamo in una fase di transizione dopo una lunga crisi dell'industria degli idrocarburi. Ci sono segnali di maggiore stabilità, il prezzo del petrolio ha raggiunto un
range tale da far ripartire gli investimenti ma non c'è ancora un'evidente accelerazione su nuovi progetti. Le oil company sono più concentrate a soddisfare i propri azionisti con dividendi e operazioni di buy back. In questo contesto, approfittando della crisi, Saipem
ha ripensato il proprio modo di essere sul mercato e di operare, avviando una trasformazione culturale basata sull'orientamento delle proprie persone alla soluzione di problemi complessi". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

M5S e Lega, il diverso approccio al governo delle cose

Colloquio di Alvaro Moretti e Simone Canettieri