Russia, Salvini: "Veto Italia su sanzioni Ue extrema ratio"

Lunedì 16 Luglio 2018
(Teleborsa) - Mentre i riflettori sono tutti puntati al summit di Helsinki tra il Presidente USA Donald Trump e il leader russo Vladimir Putin, il vice Premier e ministro dell'Interno italiano Matteo Salvini da Mosca spiega che le sanzioni Ue contro la Russia sono da considerarsi una "extrema ratio" a cui il Governo italiano pensa che non sarà necessario ricorrere, ma che comunque non è da escludere. "Vogliamo convincere con le buone maniere, con l'arte delle democrazia, dei numeri e delle evidenze", ha affermato Salvini. Il ministro ha comunque precisato che "ci sono dossier" in Ue su cui l'Italia non teme di "dire dei no che altri non hanno detto": ad esempio il bilancio europeo, la politica agricola e la questione migranti.

La speranza di Salvini è passare dalle parole ai fatti, ci sia un dossier economico ricco di nomi di compagnie italiane pronte a investire in Russia e di aziende russe pronte a collaborare alla crescita dell'economia italiana". E' questo l'auspicio espresso dal vice premier che nel corso della sua visita in cui ha avuto contatti anche con "rappresentanti del mondo del business russo ed italiano".

Che la ripresa del dialogo diretto tra il Presidente degli USA e il leader russo sia importante per creare le condizioni per superare sanzioni ed embargo, è opinione anche di Coldiretti. Commentando i dati ISTAT sul commercio estero di maggio la Confederazione Nazionale Coltivatori Diretti ha spiegato infatti che: "le esportazioni Made in Italy in Russia sono ulteriormente diminuite dell'11% a maggio e per un'importante lista di prodotti agroalimentari di spedizioni italiane in Russia sono state completamente azzerate. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Gli strapperei le braccia»: Dessì e la cura al malaffare

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma