Piazza Affari chiude in frazionale rialzo

Mercoledì 13 Giugno 2018
(Teleborsa) - Piazza Affari taglia il traguardo di giornata in frazionale rialzo, ma ritracciando dai massimi intraday toccati a metà seduta. Più cauta l'Europa con gli investitori che non si sbilanciano in vista dei meeting di politica monetaria della Federal Reserve che stasera 13 giugno, svelerà le sue mosse. Domani 14 giugno, invece, sarà il turno della BCE, chiamata anche a dibattere sull'eventuale ritiro graduale del Quantitative Easing.

Seduta in lieve rialzo per l'Euro / Dollaro USA, che avanza a quota 1,179. L'Oro continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a +0,19%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) mostra un timido guadagno e segna un +0,3%.

Lieve calo dello spread, che scende a 234 punti base, mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 2,81%.

Tra i listini europei sostanzialmente tonico Francoforte che registra una plusvalenza dello 0,38%. Senza slancio Londra che chiude sulla parità. Fiacca Parigi che rimane al palo.

Piazza Affari archivia la giornata con un guadagno frazionale sul FTSE MIB dello 0,44%, continuando la scia rialzista evidenziata da tre guadagni consecutivi. Sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share anch'esso in salita dello 0,44%.


Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, brilla STMicroelectronics con un forte incremento (+4,37%). Ottima performance per Ferrari che registra un progresso del 3,33%. Exploit di Campari che mostra un rialzo del 2,16%. Denaro su Poste Italiane che registra un rialzo dell'1,89%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Saipem. Seduta negativa per Leonardo che mostra una perdita dell'1,84%. Sotto pressione Buzzi Unicem, che accusa un calo dell'1,42%. Scivola Telecom Italia, con un netto svantaggio dell'1,40% a causa del taglio del target price da parte di Bernstein.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Sias (+3,70%), Juventus (+3,51%), Datalogic (+3,31%) e Brunello Cucinelli (+3,10%).Fa bene Credito Valtellinese (+2,99%) che festeggia la cessione di un portafoglio di crediti in sofferenza. I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Zignago Vetro che ha archiviato la seduta a -2,14%. Crolla IGD, con una flessione del 2,04%. In rosso Ascopiave che evidenzia un deciso ribasso dell'1,47%. In rosso Rai Way che scende dell'1,37%.









© RIPRODUZIONE RISERVATA