La Casa Bianca minimizza i dati del PIL. L'export guarda a nuovi mercati

Venerdì 29 Gennaio 2016
(Teleborsa) - La Casa Bianca commenta con pragmatismo i dati sul PIL pubblicati oggi, che hanno confermato una brusca frenata dell'economia a stelle e strisce nell'ultimo trimestre del 2015. Il capo economista della Casa Bianca, Jason Furman, ha tenuto a sottolineare che consumi ed investimenti aziendali hanno continuato a crescere a tassi piuttosto elevati (+2,7%), mentre ristagna la domanda esterna, a causa della crisi internazionale che ha colpito le economie emergenti.  Il consulente economico dell'Amministrazione Obama, prendendo atto degli effetti della congiuntura internazionale su quella interna, ha sottolineato l'importanza di trovare nuovi mercati di sbocco per l'export ed ha voluto ricordare che i dati sul mercato del lavoro sono stati sensibilmente positivi, affermando che "una tale sovraperformance dell'occupazione rispetto al Pil non si veerva almeno dal 1990". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Una mattina in ospedale a leggere libri ai bimbi malati

di Pietro Piovani