L'UE apre infrazione contro l'Italia per appalti nel settore Difesa

L'UE apre infrazione contro l'Italia per appalti nel settore Difesa
2 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Gennaio 2018, 16:45

(Teleborsa) - La Commissione europea ha deciso oggi di inviare delle lettere di messa in mora all'Italia e ad altri quattro Stati membri (Danimarca, Paesi Bassi, Polonia e Portogallo) "per non aver applicato - o non aver applicato correttamente - le norme dell'UE in materia di appalti pubblici nei mercati della difesa e della sicurezza".

Le procedure di infrazione avviate oggi riguardano:

- l'aggiudicazione diretta a fornitori nazionali di una serie di appalti nel settore della difesa da parte di Italia, Polonia e Portogallo, in violazione della direttiva sugli appalti per la difesa. Quest'ultima prevede che le amministrazioni aggiudicatrici siano tenute ad aggiudicare gli appalti - ad eccezione di casi rigorosamente definiti - mediante una delle procedure di aggiudicazione stabilite all'articolo 25 della direttiva 2009/81/CE e a rendere note le loro intenzioni pubblicando un bando di gara nella banca dati Tenders Electronic Daily (TED).

- gli obblighi di compensazione ingiustificati che la Commissione teme possano essere stati imposti da Danimarca e Paesi Bassi ai fornitori esteri in occasione dell'acquisto di materiale di difesa. Gli obblighi di compensazione sono misure restrittive che ostacolano la libera circolazione delle merci e dei servizi e sono incompatibili sia con il trattato UE sia con il recepimento e l'applicazione corretti della direttiva.

Gli Stati membri dispongono adesso di due mesi di tempo per rispondere alle argomentazioni presentate dalla Commissione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA