Dazi e tech fanno sbandare i mercati europei

Martedì 3 Aprile 2018
(Teleborsa) - Giornata negativa per Piazza Affari e le altre principali Borse europee, sull'acuirsi dei timori per le tensioni sul commercio internazionale, dopo la risposta della Cina ai dazi USA. Pechino ha annunciato dazi extra su 128 prodotti americani per un valore complessivo di importazioni di 3 miliardi di dollari.

A frenare i listini azionari del Vecchio Continente è anche la performance negativa dei titoli tecnologici, che cedono oltre l'1%, seguendo il forte calo registrato dai tech a Wall Street.

Sostanzialmente stabile l'Euro / Dollaro USA, che continua la sessione sui livelli della vigilia e si ferma a 1,232, dopo che i dati sui PMI di marzo hanno evidenziato un rallentamento del settore manifatturiero, che si è portato al tasso più debole in otto mesi.
Nessuna variazione significativa per l'oro, che scambia sui valori della vigilia a 1.338,5 dollari l'oncia. Giornata da dimenticare per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 63,01 dollari per barile, con un ribasso del 2,97%.

Invariato lo spread, che si posiziona a 129 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si attesta all'1,79%.

Tra le principali Borse europee si concentrano le vendite su Francoforte, che soffre un calo dell'1,06%. Piccola perdita per Londra, che scambia con un -0,33%. Giù anche Parigi, -0,51%. Si muove debole Piazza Affari, con il FTSE MIB che lima lo 0,06%.

Apprezzabile rialzo a Milano per i comparti Media (+2,45%), Immobiliare (+1,10%) e Petrolifero (+0,83%). Nella parte bassa della classifica di Milano, sensibili ribassi si manifestano nei comparti Tecnologico (-2,61%), Sanitario (-0,97%) e Telecomunicazioni (-0,90%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Mediaset (+6,11%) che festeggia l'accordo con Sky.

Toniche anche Buzzi Unicem (+1,95%), Moncler (+1,36%) e Banca Generali (+1,07%), quest'ultima grazie a un upgrade.

Le più forti vendite, invece, si manifestano su STMicroelectronics, -3,25% in sintonia con i tech europei.

Vendite a piene mani su Leonardo, che soffre un decremento del 2,05%.

Ferma ai box FCA in attesa oggi dei dati sulle immatricolazioni auto di marzo.

Tra i migliori titoli del FTSE MidCap, Technogym (+2,03%), IGD (+1,87%), Mutuionline (+1,86%) e EI Towers (+1,76%). I più forti ribassi, invece, si verificano su Fincantieri, che continua la seduta con -4,37%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Una mattina in ospedale a leggere libri ai bimbi malati

di Pietro Piovani