Acea, numeri in calo nel 2017. Cedola sale a 0,63 euro

Mercoledì 14 Marzo 2018
(Teleborsa) - Le poste non ricorrenti zavorrano la profittabilità di Acea, che riesce comunque a chiudere il 2017 con un'Ebitda superiore ai target societari.

L'utility ha riportato un utile netto di 181 milioni di euro, in discesa del 31% rispetto all'esercizio precedente in scia all'impatto di componenti non ricorrenti per 46 milioni di euro e a maggiori ammortamenti per 38 milioni.

In discesa anche l'Ebit (-31% a 181 milioni di euro) e l'Ebitda (-6% a 840 milioni di euro) mentre i ricavi segnano una variazione negativa dell'1% a quota 2,7 miliardi di euro.

Proposto un dividendo di 0,63 euro, in crescita rispetto all'anno precedente.

Per il 2018, a parità di perimetro di attività, Acea si aspetta un aumento dell'Ebitda compreso tra il 3% e il 5%, avendo come base il risultato 2017.

Stimati inoltre investimenti in aumento rispetto ai 532 milioni di euro del 2017, in coerenza con il Piano Industriale annunciato a fine novembre.

Reazione negativa degli investitori: i titoli Acea hanno accelerato al ribasso in Borsa, cedendo ora il 2,29% a 14,06 euro.
  Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 07:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il pupo gioca a pallone il Natale costa 200 euro

di Mimmo Ferretti