Ocse pessimista sull'economia. Servono azioni urgenti soprattutto in Eurozona

Ocse pessimista sull'economia. Servono azioni urgenti soprattutto in Eurozona
1 Minuto di Lettura
Martedì 25 Novembre 2014, 12:47 - Ultimo aggiornamento: 19:12

(Teleborsa) - Per evitare un arresta della già debole crescita economica globale è necessaria un'azione decisa da parte dei singoli Paesi, soprattutto di quelli dell'Area Euro. A affermarlo è l'OCSE nell'ultimo Economic Outlook , nel quale si parla di previsioni economiche modeste, del persistere di una disoccupazione elevata e dell'aumento dei rischi al ribasso della produzione industriale. Tutti segnali, questi, che richiedono “urgenti azioni a livello monetario, fiscale e di politiche strutturali” a sostegno della crescita. Tra i principali “malati” c'è l'Eurozona. “Siamo molto lontani dalla strada di una sana ripresa. Notiamo crescenti rischi di stagnazione nell'Area Euro che potrebbero avere impatti a livello globale, mentre il Giappone è caduto in recessione tecnica”, ha dichiarato il Segretario Generale dell'OCSE, Angel Gurria. Non solo: le diverse politiche monetarie potrebbero causare un aumento della volatilità nelle economie emergenti, alcune della quali hanno accumulato elevati livelli di debito. Il PIL globale dovrebbe crescere del 3,3% quest'anno, per poi accelerare leggermente al 3,7% nel 2015 e al 3,9% l'anno successivo. Il PIL dell'Eurozona è visto invece allo 0,8% nel 2014, all'1,1% nel 2015 e all'1,7% nel 2016. Tra le big, gli Stati Uniti guadagneranno ancora trazione con un PIL al 2,2% quest'anno e attorno al 3% nei due anni successivi. Il Giappone avrà invece una crescita modesta a causa dell'aumento dell'IVA. Le economie emergenti avranno tassi di espansione a due velocità con la Cina che metterà a segno un PIL del 7,3% quest'anno, al 7,1% nel 2015 e al 6,9% nel 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA