RENZI

Lavoro, Inps: più contratti stabili ma le assunzioni nei primi due mesi dell'anno non aumentano

Venerdì 10 Aprile 2015
3
Nei primi due mesi dell'anno si registra un aumento dei contratti a tempo indeterminato, ma il totale delle nuove assunzioni non è praticamente cambiato: sono solo tredici infatti i posti in più. E' quanto emerge dai dati diffusi venerdì dall'Inps sulle assunzioni (escluso il pubblico impiego, il lavoro domestico e gli operai agricoli).



I numeri diffusi dall'istituto di previdenza mostrano che nonostante la decontribuzione introdotta dal governo dal primo gennaio di quest'anno le assunzioni sono rimaste praticamente ferme: nei primi due mesi del 2015 sono state 968.883, appena 13 in più rispetto allo stesso periodo del 2014.



Non si può per ora dire che l'occupazione sia rimasta al palo, perché mancano i dati sulle «cessazioni», ovvero quelle sui contratti che nel periodo si sono interrotti. Se le cessazioni fossero meno di quelle dell'anno scorso, infatti, l'occupazione risulterebbe in aumento. I dati non risentono invece ancora delle norme sul contratto a tutele crescenti del del Jobs act perchè entrato in vigore a inizio marzo.



E se il dato sulle assunzioni a tempo indeterminato è positivo (+20% tendenziale) soprattutto grazie agli incentivi previsti dalla legge di stabilità (decontribuzione Inps per un triennio con un tetto di 8.060 euro) non è altrettanto significativo quello sulle assunzioni totali, rimaste al palo rispetto all'anno scorso a causa della diminuzione dei contratti precari.



Per il leader della Cgil, Susanna Camusso, è «evidente la propaganda che è stata fatta rispetto al fatto che eravamo di fronte a chissà quali nuovi cambiamenti e assunzioni, mentre, invece, continua un processo di sostituzione», e non di creazione di nuova occupazione. I dati dell'Inps, aggiunge, «mi pare che siano la conferma che si stanno spendendo molte risorse per tenere lo stesso livello di occupazione e, quindi, per un Paese che non ha risorse sia un errore».



Le assunzioni a tempo determinato complessive nel bimestre sono state 307.582 (+20,7%) mentre le conversioni a tempo indeterminato di contratti a termine sono state 78.287, l'11,2% tendenziale in meno. Le trasformazioni di contratto di apprendistato sono state 17.517 con un aumento del 7,4%. Se si considerano le tre tipologie sono 403.386 i nuovi rapporti di lavoro a tempo indeterminato stipulati nel primo bimestre dell'anno (+12,3%). La quota di lavoro stabile sul totale aumenta dal 37,1% al 41,6%.



Per le assunzioni a termine c'è stato un calo del 7% (a 531.856) mentre le assunzioni in apprendistato sono diminuite dell'11,3% a 33.641 unità.



«È solo riciclaggio di posti di lavoro - ha detto il numero uno della Uil, Carmelo Barbagallo - l'occupazione è ferma. L'occupazione non è aumentata - ha aggiunto Barbagallo - c'è stato solo un riciclaggio di posti di lavoro. È meglio, lasciare da parte i trionfalismi, attendere che passi un tempo adeguato per un'analisi corretta e, soprattutto, mettere in campo politiche economiche e di investimento che agevolino la ripresa. Perché senza una solida prospettiva di crescita del mercato interno - avverte - nessuna azienda assume strutturalmente a tempo indeterminato: piuttosto, si lasciano tutte una via di fuga, restando alla finestra in attesa che cambi davvero il verso dell'economia».



«I segnali che arrivano dalla lettura dei dati Inps sul primo bimestre del 2015 - dice invece il segretario confederale Gigi Petteni - possono essere definiti decisamente positivi, quantomeno in questa prima fase. Non si può non riconoscere che gli sgravi contributivi hanno prodotto buoni risultati contrariamente a quanto hanno sostenuto altri con qualche gaffe mediatica». Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma