Google, scontro sul nome Alphabet: è stato registrato da Bmw

Google, scontro sul nome Alphabet: è stato registrato da Bmw
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 12 Agosto 2015, 11:53 - Ultimo aggiornamento: 12:41

(Teleborsa) - Evidentemente Google, quando ha deciso di chiamare Alphabet la holding company nella quale far confluire le sue sempre più diversificate attività, non ha contattato l'ufficio Marchi & Brevetti. Perché a quanto pare il suddetto nome e il dominio alphabet.com sono stati già registrati da qualcun altro. E quel qualcuno non è una piccola società, ma il colosso dell'auto BMW. Alphabet è infatti una controllata della casa d'auto bavarese che fornisce servizi di leasing alle società. Dal quartier generale di BMW fanno sapere che Google non ha informato della sua volontà di scegliere quel nome, né formulato offerte per il dominio. Che, comunque, non è in vendita, hanno precisato a vari organi di stampa. Ma questo non sarebbe un problema, visto che il co-fondatore del motore di ricerca statunitense, Larry Page, ha annunciato che il sito web del Gruppo sarà http://abc.xyz. Il nome, però, potrebbe portare le due società in Tribunale anche se è improbabile, dal momento che Google non ha intenzione di creare prodotti e marchi con l'appellativo Alphabet. Per ora BMW si è limitata a far sapere di aver attivato i propri legali, precisando che si tratta di un atto normale in queste circostanze. Va inoltre rilevato che il nome Alphabet sta creando parecchie grane a Google anche negli Stati Uniti. Si tratta infatti di un appellativo davvero molto gettonato: c'è il Fondo Alphabet, la californiana Alphabet Energy, la texana Alphabet Record Company, Alphabet Plumbing in Arizona... senza considerare la pletora di scuole dell'infanzia, ristornanti, strutture ricreative, molte delle quali con lievi variazioni del nome. Anche a Londra c'è un Alphabet che si occupa di recruitment. Molte di queste realtà hanno iniziato a lamentarsi, soprattutto quelle che operano online. A questo punto la domanda sorge spontanea? Non sarà il caso che Larry Page e Sergey Brin scelgano un nome un tantino meno inflazionato?

© RIPRODUZIONE RISERVATA