Sweden&Martina sbarca negli States: ​un sorriso italiano per le star di Hollywood

Julia Roberts
di Sandro Vacchi
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 15 Aprile 2015, 16:30 - Ultimo aggiornamento: 16:31

​Un sorriso a ventiquattro carati? Gli americani ne vanno pazzi da sempre. I migliori testimonial ne sono gli attori di Hollywood, i cui denti scintillanti sono il sogno di milioni di persone negli States. Un'azienda italiana, della provincia di Padova, ha pensato alla vanità delle stelle del cinema, ma non soltanto, e ha cominciato a espandersi nel Mid Atlantic, nel New England e nel Southwest, aprendo inoltre una filiale a Chicago e un'altra a San Francisco, vicino alla Mecca del cinema. Lo scopo? Fornire ad ammiratissimi, mitizzati, divi di Hollywood un sorriso di porcellana.

Avete presenti quelle dentature perfette color neve al sole che scintillano nelle bocche di Julia Roberts o George Cloney? Ecco, ci siamo capiti. E se pensate che sia una sciocchezza, considerate il fatto che nei prossimi tre anni l'azienda italiana conta di fatturare soltanto negli Stati Uniti cinquanta milioni di euro. Si chiama Sweden & Martina, ha sede a Due Carrare di Padova, ha poco più di quarant'anni e lavora in una trentina di Paesi; l'anno scorso ha venduto 290 mila impianti, per un fatturato di sessanta milioni di euro.

E' il primo nome dell'implantologia dentaria in Italia e il sesto nel mondo. Vende ai dentisti i suoi prodotti per impianti al titanio e attrezzature per protesi. «Bocche celebri sistemate da noi? Ovviamente non posso fare nomi, ma servendo i più rinomati odontoiatri di Roma, un bel numero di politici e di cardinali sorride con i nostri denti», dice il factotum Sandro Martina. La sua creatura serve diciottomila dentisti solamente in Italia. «E il prodotto italiano è il più apprezzato al mondo, altroché esterofilia!», dice.

Dopo aver conquistato la leadership in Europa, l'azienda padovana (250 dipendenti) si è appena lanciata alla conquista del mercato americano, il più appetito al mondo. «L'operazione ha richiesto un paio d'anni di lavoro, poi i nostri impianti hanno ottenuto la certificazione della Food and Drug Administration e potranno essere venduti in tutti gli Stati Uniti».

Così 35 agenti di consolidata esperienza hanno deciso di lavorare per gli italiani in America. «Il salto verso il top della clientela dovrebbe essere fatto grazie a Prama. E' un sistema implantologico nato dal connubio dell'esperienza clinica del dottor Ignazio Loi e del know how di Sweden&Martina. «Il Prama – prosegue il titolare – è il risultato di tre anni di ricerca e di un investimento di un milione e mezzo di euro. La resa estetica è eccellente, l'installazione meno dolorosa di quella tradizionale per il paziente e più veloce per il dentista».

Visto che a Hollywood un sorriso radioso è considerato un must indispensabile, ecco l'approdo in America, nella speranza di un effetto domino anche per gli statunitensi medi, a imitazione delle star più amate. Il reparto ricerca e sviluppo della Martina è considerato il punto di forza dell'azienda, che vi ha investito quasi tredici milioni di euro negli ultimi cinque anni, per realizzare prototipi, brevetti, ricerche, consulenze e collaborazioni con una cinquantina di università in Italia e all'estero. Il gruppo vanta 368 pubblicazioni scientifiche e cinquanta brevetti e il suo obiettivo è quello di arrivare a servire diecimila cliniche odontoiatriche.