SPREAD

La manovra spaventa Piazza Affari: bruciati 21 miliardi, spread a 267

Venerdì 28 Settembre 2018
56
La Manovra spaventa Piazza Affari: bruciati 22 miliardi, spread a 267

La manovra da 40 miliardi messa in cantiere dal governo gialloverde, quasi tutta in deficit, spaventa i mercati, con lo spread che fa un balzo di oltre 30 punti e tocca i 280 punti e la Borsa che registra profondo rosso, con un tonfo che in un solo giorno 'brucia' 21 miliardi di capitalizzazione. Un esito atteso davanti al quale l'esecutivo ostenta sicurezza perché la manovra porterà più crescita e una volta che saranno svelati «i dettagli», garantisce il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, «lo spread sarà coerente con i fondamentali della nostra economia».

LEGGI ANCHE Pensioni, almeno 38 anni di contributi per uscire con quota 100
 


A Roma non fa paura nemmeno una eventuale bocciatura della Commissione europea, che si riserva di esprimersi quando avrà sul tavolo la bozza della legge di Bilancio ma che già ha sottolineato, attraverso i guardiani dei conti Ue, Valdis Dombrovskis e Pierre Moscovici, che l'Italia così non rispetta le regole. Più severo il primo, più 'dialogantè il secondo, che spiega come non ci sia interesse ad aprire una crisi con l'Italia che però sta facendo scelte che rischiano di «impoverire i cittadini». Anche in casa nostra le risposte hanno accenti diversi: Matteo Salvini, spavaldo, dice che «i mercati se ne faranno una ragione» e che se la Ue boccerà la manovra «tiriamo avanti» lo stesso, mentre Luigi Di Maio, che a sua volta si dice «non preoccupato da spread e mercati», getta acqua sul fuoco spiegando che nessuno vuole andare allo scontro con Bruxelles e che il debito calerà, grazie alla crescita. Per la legge di Bilancio vera e propria, comunque, c'è ancora quasi un mese di tempo, mentre a 24 ore dal Consiglio dei ministri che ha approvato la nota di aggiornamento al Def il ministro dell'Economia Giovanni Tria non ha ancora espresso alcun commento e l'unico dato noto è il deficit, che il governo ha deciso di fissare per i prossimi 3 anni al 2,4% del Pil. Ancora non si sa che effetti avrà questa scelta né sul debito, che rischia di non scendere se non marginalmente e sfruttando magari qualche trucco contabile come sostiene l'ex commissario alla spending review Carlo Cottarelli, né tantomeno sul Pil.

La manovra «sarà seria, meditata e coraggiosa» si limita a dire il premier confidando che «sia la ricetta giusta per la crescita e lo sviluppo sociale». Un obiettivo ragionevole, si lascia sfuggire uno dei vice del ministro dell'Economia, Massimo Garavaglia è che si possa arrivare anche all'1,5%, se avrà successo la scommessa di 'smontarè la legge Fornero per favorire il ricambio generazionale e di introdurre il reddito di cittadinanza migliorando le condizioni per trovare lavoro. Se Confindustria e sindacati guardano con cautela al Def auspicando che ora non si sbaglino le misure della manovra, la prima reazione dei mercati mostra però che gli investitori sono poco convinti che una politica così espansiva (27 miliardi di deficit) ma con questo mix di interventi possa rappresentare una garanzia di tenuta dei conti pubblici italiani. Nel venerdì nero di Piazza Affari a soffrire è tutto il listino con il Ftse Mib che lascia sul terreno il 3,72% a 20.711 punti. E a finire sotto tiro sono in particolare i bancari con perdite da capogiro comprese tra il 9,43% di Banco Bpm e il 6,73% di Unicredit.

Ma il conto dei timori di maggiori spese e debito lo pagano anche le aziende di Stato, con Poste tra le più bersagliate (-4,28% che la riavvicina ai valori della quotazione). Lo spread tra il Btp e il Bund chiude in rialzo a 267 punti base da 235 punti, col tasso sul decennale che torna, dopo alcuni mesi, sopra il 3% al 3,13%. Un livello che, se si manterrà tale, costerà alle casse dello Stato un esborso già calcolato da diversi istituti in 3-4 miliardi, e che dovrebbe essere a sua volta quantificato nell'aggiornamento del Def.

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre, 08:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma