Moscovici: Italia problema in zona euro, non c'è Hitler ma piccoli Mussolini. Di Maio: «Inaccettabile»

Giovedì 13 Settembre 2018
57

Il commissario Ue agli Affari economici Pierre Moscovici torna a parlare dell'Italia come di un problema all'interno della zona Euro e ha chiesto al governo del nostro Paese un bilancio credibile per l'anno: «C'è un problema che è l'Italia nella zona euro - ha detto in occasione di una conferenza stampa a Parigi - è assolutamente l'Italia il soggetto sul quale voglio concentrare la mia attenzione prima di tutto».

LEGGI ANCHE Salvini: «I politici di sinistra hanno trasformato Bari in un campo profughi»
 


Oggi «c'è un clima che assomiglia molto agli anni '30. Certo, non dobbiamo esagerare, chiaramente non c'è Hitler, forse dei piccoli Mussolini...», ha proseguito dicendosi preoccupato per la progressione dei populisti in Europa a meno di un anno dalle elezioni europee del 2019. «La storia, come diceva Raymond Aron, è tragica, bisogna evitare che sprofondi nelle sue ore più buie», ha aggiunto, sottolineando tuttavia che, almeno nelle prossime europee, i populisti non conquisteranno la schiacciante maggioranza dell'Assemblea Ue, ma otterranno comunque una «forte progressione». «Quando chiediamo all'Italia di andare avanti nel risanamento del bilancio non lo facciamo per chissà quale dogma europeo, ma per il suo interesse. Ridurre il debito pubblico molto elevato dell'Italia, al 130%, è nell'interesse stesso del Paese». 

«Pensare che facendo maggiore deficit si aumentano gli investimenti è una bugia», ha avvertito il commissario prima di spiegare che l'Europa non ha mai impedito all'Italia di realizzare investimenti o di costruire le infrastrutture necessarie. «L'Italia è il Paese che più di tutti ha beneficiato di ogni flessibilità. Siamo sempre comprensivi». 

Ira Di Maio e Salvini. «L'atteggiamento da parte di alcuni commissari europei è inaccettabile, veramente insopportabile. Dall'alto della loro Commissione europea si permettono di dire che in Italia coi sono tanti piccoli Mussolini, non si devono permettere!», ha commentato Luigi Di Maio le dichiarazioni di Moscovici. E ha aggiunto: «Tutte queste prese di posizione contro l'Italia, questi giudizi ignobili alla fine si scontreranno con le elezioni europee. A questi signori una lezione non gliela dobbiamo dare noi come governo, una lezione gliela daranno i cittadini alle prossime elezioni europee. Noi incassiamo e li compatiamo. Queste sono persone scollegate dalla realtà: hanno di fronte uno dei governi con il più alto consenso in Europa che viene trattato così dai commissari europei di una Commissione che probabilmente tra sei-otto mesi non ci saranno più perché i cittadini alle prossime elezioni manderanno a casa una buona parte dell'establishment europeo».

Immediata anche la replica alle dichiarazioni di Moscovici del ministro dell'Interno e vicepremier Matteo Salvini: «Si sciacqui la boca prima di insultare l'Italia»

Ultimo aggiornamento: 20:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Giovani gamer isolati in casa. E intanto la pasta scuoce

di Raffaella Troili