Lavazza fa shopping in Canada: rileva Kicking Horse Coffee per 142 milioni

Kicking Horse Coffee
di Claudia Guasco
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Maggio 2017, 18:14 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 18:19

MILANO Lavazza alla conquista del Canada. Il gruppo torinese, fondato nel 1895 e di proprietà della famiglia da quattro generazioni, accelera la crescita in Nord America rilevando l’80% del capitale di Kicking Horse Coffee, leader canadese nel settore del caffè biologico e fair trade. Valore dell’operazione: 215 milioni di dollari canadesi, quasi 142 milioni di euro. Elana Rosenfeld, che ha fondato l’azienda nel 1996, resta azionista con il 20% e continuerà a guidare l’azienda come ceo.

VORTICE DI FUSIONI
 «Kicking Horse rappresenta uno di quei “local jewels” che il gruppo Lavazza continua a ricercare nell’ambito della propria strategia di globalizzazione e di posizionamento premium», spiega l’amministratore delegato Antonio Baravalle. L’operazione, rileva, è un passo importante per la strategia di sviluppo in Nordamerica, mercato chiave per l’azienda e in linea con le recenti acquisizioni di Carte Noire in Francia e Merrild in Danimarca. Come ha sottolineato il vicepresidente Giuseppe Lavazza in occasione della presentazione dei dati di bilancio, «il mondo del caffè è alle prese con un vortice di fusioni e acquisizioni, non ci sono alternative alla crescita: siamo diventati una realtà globale restando indipendenti, ma aumentando il portafoglio». Oggi il fatturato sfiora i due miliardi di euro e la quota di ricavi realizzati all’estero supera il 60%, l’obiettivo è arrivare al 70% della produzione esportata e a un fatturato oltre i 2,2 miliardi di euro entro il 2020. L’operazione Kicking Horse Coffee è un tassello di questa strategia. «Il caffè organico e fair trade rappresenta uno dei principali trend sia a livello internazionale che nel Nord America in particolare - dice Baravalle - Kicking Horse Coffee è leader in questo segmento con un brand dalle caratteristiche perfettamente complementari al portafoglio Lavazza. Negli ultimi anni l’azienda è cresciuta sempre a doppia cifra e grazie a questa acquisizione le prospettive di sviluppo anche oltre i confini del Canada aumenteranno in maniera significativa».

INNOVAZIONE E QUALITA’
Lavazza ha chiuso il 2016 con i dati migliori di sempre: 1,9 miliardi di euro il fatturato, in crescita del 29% sull’esercizio precedente, 61,7 milioni di euro il risultato operativo (+34,1). E il 2017, ha anticipato il manager, sarò un anno caratterizzato da «un mix di crescita interna ed esterna, con una focalizzazione su innovazione, qualità e sostenibilità». Con questa acquisizione il gruppo prosegue il suo percorso di crescita e diversificazione internazionale, consolidando il proprio posizionamento tra i leader nel mercato globale. «Accogliamo con orgoglio nel nostro gruppo Kicking Horse Coffee, certi di poter contribuire, con la nostra esperienza di più di 120 anni sul caffè, all’ulteriore sviluppo di un’azienda a noi molto affine», commenta la famiglia Lavazza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA