Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Silicon Valley è qui: premiate da Confindustria 12 aziende al top dell'innovazione

La Silicon Valley è qui: premiate da Confindustria 12 aziende al top dell'innovazione
di R.Ec.
5 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Dicembre 2017, 18:01 - Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 16:33
C'è l'azienda  specializzata, tra le altre cose, nel training degli astronauti e nella realizzazione del cibo spaziale e
c'è quella che progetta e produce pompe volumetriche.  C'è l'azienda che sviluppa robot per l'industria e quella che si occupa di big data e internet delle cose. Sono 12 le aziende italiane al top che hanno investito con successo in ricerca e innovazione a cui Confindustria ha assegnato  oggi il "Premio Imprese per Innovazione 2017".

A salire quest'anno sul podio sono le aziende Adige, Argotec, Farmalabor, Fluid-o-Tec, Masmec, Oikos, Opus Automazione, Protom Group, Solvay Specialty Polymers Italy, T.T. Tecnosistemi, Thales Alenia Space Italia e Vetrya. Il riconoscimento, realizzato in collaborazione con La Fondazione Giuseppina Mai, Confindustria Bergamo, con il sostegno di Warrant Group e con il supporto tecnico dell'Associazione Premio Qualità Italia, è il primo in Europa ad aver adottato i parametri dell'European Foundation for Quality Management.

Tra le inmprese vincitrici c'è anche Protom Group SPA, l'azienda fondata più di 25 anni fa da Fabio De Felice ed entrata a novembre in Elite, il programma di Borsa Italiana e Confindustria per le imprese ad alto potenziale, per supportare il suo percorso di crescita legato ad innovazione e internazionalizzazione.   Con cuore operativo in Italia a Napoli e Milano, uffici in Francia, Inghilterra e Brasile, Protom è un’azienda di consulting e system integration. Inizialmente aveva il suo core business nella formazione e nella consulenza direzionale. Con il tempo le attività dell’azienda si sono diversificate, permettendole così di operare in numerosi mercati attraverso quattro Business Unit: IT, Advanced Engineering, Consulting e Training. L’integrazione delle diverse divisioni consente di progettare soluzioni altamente innovative, senza perdere l’approccio tailor-made, necessario alla realizzazione ottimale di ciascun progetto. L'azienda lavora con i big player del comparto metalmeccanico nell’aeronautica, nel ferroviario e nell’automotive come Leonardo, Superjet, Piaggio Aerospace, Airbus, FCA e ATR, Hitachi Rail Italy e Rolls Royce. 

 
«Siamo orgogliosi - spiega il fondatore di Protom Fabio De Felice - di aver vinto questo Premio che ci sprona a fare sempre di più e meglio. Come azienda abbiamo investito più del più del 15% del fatturato tra il 2011 e il 2017 in progetti di Ricerca e Innovazione per un totale di oltre 10 milioni di euro, con l’impegno di un monte lavorativo di circa 80.000 ore. Grazie al nostro Innovation Lab guidato da Sergio Cotecchia, Protom si colloca in prima linea per utilizzo puntuale e mirato del programma europeo Horizon 2020»

Tra i più recenti successi di Protom spicca la partecipazione al progetto di Airbus Helicopter per la realizzazione di un dimostratore del “Compound Helicopter”, sviluppato all’interno del programma di ricerca europeo Clean Sky 2. Protom è anche la realtà che ha vinto la gara internazionale per realizzare a Napoli, a Città della Scienza, Corporea, il primo e più interattivo Museo dedicato al corpo umano e il più grande investimento in cultura realizzato in Europa.

Tra le imprese premiate c'è poi Argotec, azienda torinese,  nata nel 2008, specializzata tra l’altro nel training degli astronauti e nella realizzazione del cibo spaziale per gli astronauti europei (è sua la macchina da caffé spaziale ISSpresso). Argotec è anche una delle 9 imprese che hanno ricevuto semre oggi il Premio dei Premi, il riconoscimento istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su mandato del Presidente della Repubblica. 


«Siamo davvero orgogliosi di ricevere questi premi in un contesto così prestigioso quale la Camera dei Deputati – ha dichiarato David Avino, managing director di Argotec – questi riconoscimenti rappresentano per noi un immenso risultato e una conferma del lavoro svolto, che passa attraverso un continuo “ascolto” delle idee del nostro team che spesso si traduce in progetti. Questo di oggi non è un punto di arrivo, ma un evento che ci sprona a continuare ad innovare per competere a livello internazionale esportando l’eccellenza del Made in Italy nel mondo. Per Argotec innovare significa, infatti, migliorare le proprie performance ogni giorno, ricercare soluzioni nuove e alternative pensando fuori dagli schemi, alzando continuamente l’asticella degli obiettivi.» 

Secondo la vision aziendale di Argotec tutto ciò che è progettato per attività spaziali può avere un immediato ritorno sulla Terra, apportando benefici nella vita quotidiana e rispondendo ad esigenze non ancora soddisfatte. L’azienda, che collabora da sempre con le principali agenzie spaziali mondiali tra cui l’Agenzia Spaziale Italiana (Asi), l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) e la Nasa americana, sin dal principio si è posta in prima linea nel promuovere lo sviluppo di tecnologie innovative che coinvolgessero università, centri di ricerca e aziende con competenze anche differenti.

Ciò si è tradotto concretamente nella realizzazione di collaborazioni con aziende anche non operanti nel settore aerospaziale e con la realizzazione di sistemi innovativi che hanno consentito di registrare diversi brevetti e di ottenere alcuni importanti riconoscimenti di rilievo internazionale. Negli anni Argotec si è distinta a livello nazionale ed internazionale anche grazie alle proprie modalità di lavoro dinamiche e flessibili, supportate da un giovane team di professionisti dall’età media di circa 29 anni, che hanno consentito di ridurre i tempi di realizzazione delle attività trovando sempre soluzioni alternative e innovative rispetto ai processi standard. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA