Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Guzzetti: «Con il fondo Atlante evitato il fallimento dell'intero sistema bancario»

Guzzetti: «Con il fondo Atlante evitato il fallimento dell'intero sistema bancario»
2 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2016, 13:20 - Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 07:34
Un intervento necessario perché altrimenti il sistema economico, non solo bancario, andrebbe in crisi. Questa in sintesi l'opinione di Giuseppe Guzzetti, presidente di Acri e della Fondazione Cariplo in merito al Fondo Atlante creato per sostenere la ricapitalizzazione delle banche e risolvere il problema delle sofferenze, a cui le fondazioni bancarie contribuiscono con 536 milioni di euro.

«C'erano due banche ad altissimo rischio, anzi per una si è già realizzato, per la Banca Popolare di Vicenza che, con il suo fallimento avrebbe trascinato l'intero sistema bancario italiano», perché tali eventi provocano «disagio, con le Borse che fanno perdere continuamente anche le banche che stanno bene» ha affermato Guzzetti a
L'intervista di Maria Latella a Sky Tg 24.

Dunque l'intervento salva-banche si spiega, secondo Guzzetti, perch «siamo un Paese molto bancocentrico», dove le imprese e le famiglie per avere prestiti, mutui, si rivolgono alle banche, dunque «è chiaro che se falliscono le banche il sistema va in crisi», sostiene Guzzetti rimarcando inoltre che, in Italia, va affrontato un altro problema, quello delle sofferenze bancarie, condividendo quanto affermato ieri da Alessandro Penati, presidente del Fondo Atlante, al Festival dell'Economia di Trento. «Penati accanto all'obiettivo di togliere alle nostre banche le sofferenze - conclude-  ha anche un obiettivo molto importante per il nostro Paese e per le banche: quello di creare un mercato delle sofferenze» per non stare alla «mercè delle agenzie straniere che comprano a prezzi bassissimi ma a tutela delle nostre banche che potranno venderle in un mercato».
© RIPRODUZIONE RISERVATA