Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fassi, la storica gelateria romana venduta ai coreani di Haitai

Fassi, la storica gelateria romana venduta ai coreani di Haitai
2 Minuti di Lettura
Martedì 8 Luglio 2014, 19:50 - Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 16:31

La gelateria romana Fassi passa ai coreani. La storica casa, che da oltre un secolo sorge nel quartiere dell'Esquilino, celebrata anche nel film Vacanze romane, è stata rilevata dalla società coreana Haitai Confectionery and Foods Co.

Un altro marchio italiano finisce dunque all'estero. A confermare l'operazione è lo studio legale Gianni Origoni Grippo Cappelli & Partners che ha assistito il gruppo asiatico nell'acquisizione del 100% di Palazzo del Freddo, la società a cui fa capo il gelato Fassi. L'acquisizione - dettagli finanziari non sono stati rivelati - sarà perfezionata nei prossimi due-tre mesi. Il gruppo romano, fondato da Giacomo Fassi nel 1880, in Corea è già presente con 82 punti vendita.

«Abbiamo rilevato Palazzo del freddo perché vogliamo entrare nel mercato del gelato di fascia alta, che sta crescendo rapidamente in tutto il mondo - ha affermato Haitai, secondo quanto riporta il sito Korea Joongang daily -. E quello di Palazzo del freddo è un marchio di alto valore nel mercato europeo. L'acquisizione - ha aggiunto il gruppo coreano - ci dà una nuova base per crescere».

Haitai prevede una forte crescita del mercato del gelato in Corea e stima di aumentare il numero di punti vendita a quota 300 e il fatturato complessivo a circa 100 miliardi di won (circa 70 milioni di euro) entro il 2020.

«Purtroppo è un momento storico in cui i gruppi stranieri a Roma la fanno da padroni: dalle catene di abbigliamento agli alimentari. Gli interessi stranieri si espandono nelle zone più importanti della città e conquistano il Made in Italy. Per gli imprenditori italiani sicuramente non è un buon momento», ha commentato il presidente della Confesercenti di Roma Valter Giammaria.