Def, crescita 2018 all'1,5%. Padoan: nuovo governo fermi aumenti Iva

Giovedì 26 Aprile 2018
1

Il Consiglio dei ministri «ha approvati il Def, un Def particolare, come si dice in gergo a politiche invariate, che non contiene la parte programmatica delle riforme che spettano al prossimo governo». Così il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni al termine del Consiglio dei ministri. «Oggi fotografiamo con questo Def risultati molto rilevanti», ha aggiunto il premier. Nel Def c'è la «fotografa della situazione tendenziale dell'economia italiana ed emerge un quadro positivo che riflette il buon lavoro fatto in questi 5 anni».

La crescita nel Def è confermata «all'1,5%. Questa cifra riflette un atteggiamento prudenziale di quello che l'economia può produrre». Così il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Le clausole di salvaguardia sugli aumenti Iva «nella versione» del Def approvata dal governo «sono tenute dentro, nell'aspettativa che, come in passato, il prossimo governo presenti misure per rimuoverle», ha poi sottolineato il ministro.

«Il rapporto tra deficit e pil è collocato al 2,3 per il 2017. Questo numero, più alto dell'iniziale previsione dell'1,9 incorpora risorse che il Governo ha messo per aggredire la situazione difficile dal punto di vista bancario», ha proseguito Padoan. Nel 2018 il debito «diminuisce in misura visibile, di un punto percentuale», ha detto ancora Padoan, sottolineando che si tratta di «un dato estremamente importante in un contesto in cui negli anni passati continuava a crescere ed era considerato come uno dei principali fattori di rischio dell'unione monetaria». Ora «sta diminuendo» grazie a una «oculata gestione» che mostra che « la strategia è quella giusta non è necessario deviare o pensare a misure eccezionali».

 

Ultimo aggiornamento: 27 Aprile, 07:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Altro che Ti presento i miei se poi ti spiano sui social

di Raffaella Troili