Competitività, le imprese del Sud hanno recuperato il gap con il Nord

Competitività, le imprese del Sud hanno recuperato il gap con il Nord
2 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Giugno 2018, 16:29

La competitività delle imprese del Sud, soprattutto quelle di medie dimensioni, sta migliorando, allineandosi al resto d'Italia. L'incidenza del costo del lavoro sul valore aggiunto, infatti, è passata dal 77,2% registrato nel 2008 (con il resto d'Italia al 72,7%) al 69,6% nel  2015, praticamente come nel resto del Paese (69,3%). Lo rivela il settimo rapporto sulle imprese industriali del Mezzogiorno della Fondazione Ugo La Malfa, realizzato in collaborazione con l'Area Studi di Mediobanca. 
 Il Mezzogiorno però resta ancora debole sul fronte della presenza industriale. Nel 2008, ultimo anno prima della crisi,  c'erano 4.109 imprese medie in tutto il territorio nazionale, di cui 361 al Sud. Otto anni dopo si è registrato un netto calo dei numeri, rispettivamente del 18% e del 27%. Giorgio La Malfa, consigliere della Fondazione Ugo La Malfa, ha spiegato che la crisi economica «ha comportato un restringimento molto significativo nel numero delle imprese», ma nello stesso tempo ha spinto «a uno sforzo di razionalizzazione e di recupero di produttività che sembra aver dato i suoi frutti». L'industria meridionale «ha però un potenziale di sviluppo notevole, visti i dati in termini di fatturato, esportazione e profitti».
Giuseppe Guzzetti, presidente della Fondazione Cariplo, ha sottolineato la «rinnovata competitività dell'industria meridionale anche se le imprese sono ancora numericamente insufficienti». Per Alessandro Enginoli, presidente della Piccola Industria di Assolombarda, il recupero di competitività è «un buon risultato che va rafforzato, a cominciare dal numero di aziende presenti sul territorio, ancora poche, affinché possano beneficiare dei vantaggi di un contesto di industrializzazione diffuso tipico delle aree distrettuali del Nord».

© RIPRODUZIONE RISERVATA