I bancomat dai tabaccai: dal 20 luglio parte il nuovo servizio

I bancomat dai tabaccai: dal 20 luglio parte il nuovo servizio
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Luglio 2018, 17:23 - Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 14:00

Il bancomat dal tabaccaio. Tra pochi giorni, dal 20 luglio, sarà possibile prelevare contanti anche  in oltre 15 mila tabaccherie italiane. Il nuovo servizio - che in questi giorni è già partito con alcune sperimetazioni - è possibile grazie all'accordo con  Banca5, l'istituto di credito di prossimità del gruppo Intesa Sanpaolo. I clienti dell'istituto di credito, con le carte di debito del circuito Maestro, MasterCard, Visa o Visa Electron, potranno prelevare denaro contante fino ad un massimo di 150 euro giornalieri, esibendo anche la tessera sanitaria nazionale per la lettura elettronica del codice fiscale. Per alcuni comuni italiani, colpiti dai tagli degli sportelli bancari in questi anni (sono 383 quelli rimasti completamente sguarniti) sarà un toccasana.  

I  15 mila punti convenzionati esporranno un adesivo e l'elenco sarà disponibile su app e sito web di Banca5 e Intesa Sanpaolo. Le operazioni di prelievo saranno gratuite fino al 31 dicembre 2019. A partire dal 2020, secondo la comunicazione che hanno già ricevuto i clienti del gruppo Intesa Sanpaolo, potrá essere applicata una commissione fino ad un massimo di 2 euro.

Sul nuovo servizio offerto da Banca5 esprimono grande soddisfazione i tabaccai. L'amministratore delegato di Banca5, Silvio Fraternali, ricorda che si tratta una ulteriore rete territoriale del gruppo che «ci permette di offrire servizi semplici ma importanti per le necessità quotidiane anche in comuni spesso piccoli e meno serviti». Il servizio di prelievo contante nelle tabaccherie avrà anche un «forte impatto sociale - afferma Salvatore Borgese, Chief Business Officer Banca5 - e rappresenta una svolta nel percorso professionale che la rete dei nostri collaboratori potrà intraprendere, attraverso l'erogazione di servizi transazionali tradizionalmente forniti da reti bancarie».

© RIPRODUZIONE RISERVATA