Premio Wolf per la Chimica: dopo 15 anni vincono due donne

Sono le americane Carolyn Bertozzi, dell'università di Stanford e Bonnie Bassler, dell'università di Princeton

Premio Wolf per la Chimica: dopo 15 anni vincono due donne
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Febbraio 2022, 12:32

Dopo 15 anni due donne vincono il premio Wolf per la Chimica 2022: sono le americane Carolyn Bertozzi, dell'università di Stanford e socia straniera dell'Accademia dei Lincei, e Bonnie Bassler, dell'università di Princeton, che condividono il premio con Benjamin Cravatt, dello Scripps Research in California. L'ultima donna a vincere lo stesso premio era stata Ada Yonath nel 2006-2007. I tre ricercatori sono stati premiati per gli importanti contributi nella comprensione dei meccanismi di comunicazione cellulare.

Scozia, ipotesi carrozze per sole donne. «Molte hanno paura di viaggiare sui mezzi pubblici»

Biologa chimica americana della Stanford University e dell'Howard Hughes Medical Institute, Bertozzi è Socia straniera dell'Accademia Nazionale dei Lincei ed è nota per aver sviluppato tecnologie innovative che hanno aperto nuove strade per la ricerca biologica e lo sviluppo terapeutico. Ha dato l'avvio al campo della cosiddetta chimica biorigonale, grazie alla quale è diventato possibile modificare chimicamente le molecole all'interno dei sistemi viventi senza interferire con i processi già in atto. Grazie ai suoi studi sono state possibili scoperte fondamentali per la comprensione di molti meccanismi di interazione esistenti tra le cellule e che hanno rapidamente trovato molte applicazioni, le più recenti per lo studio del Covid-19. Il lavoro della Bassler ha permesso di identificare una tipologia specifica di segnali chimici scambiati dai batteri nota come quorum sensing che permette loro di 'nascondersì e che potrebbe essere utilizzata per migliorare le attuali terapie antimicrobiche. Anche Bassler collabora all'Howard Hughes Medical Institute ed ha ricevuto numerosi premi tra cui L'Oreal-Unesco nel 2012. Cravat è invece considerato uno degli inventori della cosiddetta proteomica chimica, un insieme di tecniche che permette di rivelare cosa fanno le proteine all'interno delle cellule e identificare nuovi bersagli farmacologici. 

Cartello offensivo per Federica Pellegrini a Jesolo, replica della nuotatrice: «Dimmelo in faccia»

© RIPRODUZIONE RISERVATA