Ludovica Martino: «Investo in borse, ma sono una da pigiamone»

Attualmente è sul set della seconda stagione di Vita da Carlo, la serie di Carlo Verdone

Ludovica Martino: «Investo in borse, ma sono una da pigiamone»
di Veronica timperi
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 23 Novembre 2022, 12:25 - Ultimo aggiornamento: 24 Novembre, 15:49

Chioma fulva, pelle chiarissima, fascino magnetico e retro. Al primo sguardo Ludovica Martino, attrice romana, classe 1997, sprigiona l’aura delle dive di altri tempi, anche se in realtà è una donna moderna, un talento del cinema. Laureata in traduzione e interpretariato, parla perfettamente inglese, spagnolo e russo. Esordisce al cinema nell’opera prima di Leonardo D’Agostino,"Il Campione", al fianco di Stefano Accorsi, in "Security", "Mio fratello mia sorella", "Lovely Boy", "Una Boccata D’Aria". Netflix poi l’ha consacrata con "Skam Italia", "Sotto il sole di Riccione"e "Sotto il sole di Amalfi", "Luna Park" e "Carosello Carosone". Attualmente è sul set della seconda stagione di Vita da Carlo, la serie di Carlo Verdone. A Capodanno torna al cinema con il film "I migliori giorni" per la regia di Massimiliano Bruno ed Edoardo Leo.

Lucia Mascino: "A Natale al cinema sposo Aldo (con Giovanni e Giacomo), ma oggi è il tempo di diventare regina"

Ludovica, ha sempre amato la moda?

«È un legame che c’è da sempre. Mio padre aveva dei negozi di abbigliamento a Roma e già da piccola lo accompagnavo ai campionari e amavo provarmi tutto».

 Nel suo armadio cosa vede: ordine o caos?

 «Caos ma punto a sistemare e a mettere in ordine in qualche modo. Mi impongo di fare decluttering ogni due o tre mesi e di donare quello che non metto più».

Si è mai concessa momenti di shopping sfrenato?

«Mi regalo spesso questi momenti e quasi sempre compro solo maxi cappotti e borse».

Come definirebbe il suo stile?

«Decisamente casual chic. Amo indossare pantaloni larghi, jeans, camicie e stivaletti bassi».

Ha una parte del corpo che le piace valorizzare?

«Il punto vita, mi piace evidenziarlo con i pantaloni a vita alta o usando delle cinte sugli abiti».

Si sente sensuale?

 «Non direi. Sono più tipa da pigiamone in flanella che da babydoll in seta. Mi sento goffa praticamente sempre».

Quali sono i capi e gli accessori chiave del suo guardaroba?

«Le t-shirt e le borse a tracolla, che uso sempre, ma anche collanine color oro giocando con misure diverse».

La sensualità dei tacchi o la comodità delle scarpe basse?

«Preferisco le mezze misure, tipo i 5 cm. Poi per le occasioni formali, se non posso esimermi largo ai tacchi. Le ballerine, per esempio, mi piacciono sulle altre, sulle donne alte, ma non su di me perché non esaltano la mia silhouette».

C’è un abito nel suo guardaroba che la fa sentire particolarmente bella ed usa nelle giornate no?

«Nelle mie giornate no conosco un solo colore, il nero, da capo a piedi. In ogni caso punto sempre su maglioni black, morbidi e accoglienti come un abbraccio».

Guardando le foto del passato, le è sempre piaciuto il suo modo di vestire?

 «Guardo le vecchie foto e mi sento male (ride; ndr). A 15 anni ci vestivamo tutte uguali con jeans skinny, felpe sportive e Converse, un attentato per la fisicità delle ragazze. Dopo sono arrivati i leggings animalier, uno scempio».

C’è qualche accessorio o capo a cui è legata?

«Mi affeziono spesso agli abiti che indosso quando interpreto dei personaggi. Mi capita infatti, a riprese finite, di chiedere di poterli prendere. Il maxi maglione iconico di Eva, il mio ruolo in Skam Italia, lo metto anche per uscire».

Le piace “rubare” dagli armadi altrui?

«Molto. Da quello del mio compagno prendo camicie e maglioni, quelli da uomo sono più fighi. Da mia madre praticamente di tutto e la cosa è reciproca. Abbiamo armadi intercambiabili».

Quanto è sostenibile il suo approccio alla moda?

«Parecchio. Non butto, in caso regalo. So quanto il fast fashion danneggi il pianeta, cosi ho imparato a farmi delle domande strategiche prima di acquistare: mi serve davvero? Posso abbinarlo in almeno tre outfit che già possiedo?».

Quale sarà il suo prossimo acquisto fashion?

«Una borsa. Le borse sono un buon investimento. Ci sono gli amanti degli orologi, mentre io credo fermamente nella bellezza durevole delle bag di buona fattura»

© RIPRODUZIONE RISERVATA