Zalando, l'ad Ritter annuncia le dimissioni. «Lascio spazio alla carriera di mia moglie»

Lunedì 7 Dicembre 2020
Zalando, l'ad Ritter annuncia le dimissioni. «Lascio spazio alla carriera di mia moglie»

Il co-amministratore delegato del rivenditore di moda online tedesco Zalando ha detto che si dimetterà per mettere al primo posto le ambizioni professionali di sua moglie. Rubin Ritter ha detto che lascerà la società a maggio del prossimo anno "per dedicare tempo alla mia famiglia in crescita". «Mia moglie ed io abbiamo convenuto che per i prossimi anni, le sue ambizioni professionali dovrebbero avere la priorità», ha dichiarato.

Emma Marrone nuova testimonial di Zalando: «Ciò che indosso deve rappresentarmi»

Ritter, che era responsabile della strategia e della comunicazione ai vertici dell'azienda, si è detto ansioso di "esplorare nuovi interessi oltre Zalando". Il suo contratto sarebbe scaduto nel novembre 2023. Non ci sono informazioni su cosa faccia la moglie di Ritter. La mossa di Ritter è insolita in Germania, dove il divario retributivo di genere rimane uno dei più grandi in Europa. Le donne hanno guadagnato in media il 20% in meno degli uomini nel 2019 secondo l'agenzia di statistica federale Destatis, in parte perché molte donne in Germania lavorano part-time.

La start-up berlinese Zalando è stata fondata nel 2008 ed è gestita da un team di tre membri CEO composto da Ritter, Robert Gentz ​​e David Schneider dal 2010. Il sito è diventato il principale rivenditore di abbigliamento online in Europa, impiega 14.000 dipendenti e serve 17 paesi. Ha registrato ricavi per 1,85 miliardi di euro (2,2 miliardi di dollari) nel terzo trimestre del 2020, in crescita del 22% su base annua poiché la pandemia ha aumentato gli acquisti online. "Quando abbiamo iniziato a spedire le prime scarpe ai nostri clienti dal seminterrato del nostro ufficio, non sapevamo dove ci avrebbe portato il viaggio. È impossibile sopravvalutare l'impatto di Rubin sul successo di Zalando", ha detto Gentz. 

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 13:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA