Walt Disney, per la prima volta in 98 anni una donna nominata presidente

Walt Disney, per la prima volta in 98 anni una donna nominata presidente
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Dicembre 2021, 11:20

Per la prima volta in 98 anni di storia, una donna è stata eletta presidente della Walt Disney. Susan Arnold, 67 anni, membro del consiglio di amministrazione della Disney da 14 anni, succederà a Bob Iger alla fine di quest'anno.

«Assumendo questo nuovo incarico di presidente del consiglio di amministrazione, non vedo l'ora di continuare a servire gli interessi a lungo termine degli azionisti della Disney e di lavorare a stretto contatto con il ceo Bob Chapek per proseguire sull'eredità secolare dell'azienda di eccellenza creativa e innovazione», ha affermato la Arnold in una nota.

La presidente è stata dirigente presso la società di investimento globale Carlyle. E ancora: president Global Business Units di Procter & Gamble nel 2009, posizione che aveva ricoperto dal 2007. Precedente fino al 2007, è stata vicepresidente di P&G Beauty and Health dal 2006, vicepresidente di P&G Beauty dal 2004 e presidente di Global Personal Beauty Care e Global Feminine Care dal 2002. È stata amministratrice di McDonalds Corporation dal 2008 al 2016 e di NBTY, Inc. dal 2013 al 2017. Nel 2002 è stata inserita dalla rivista Fortune nella lista delle 50 donne più potenti nel mondo degli affari.

Videogame a prova di boomer: Marvel's Guardians of the Galaxy

Iger, che si è dimesso da amministratore delegato della Disney dopo 15 anni, lascerà l'azienda entro la fine di questo mese. «Susan è una dirigente incredibilmente stimata, la cui ricchezza di esperienza, integrità incrollabile e giudizio esperto sono stati pregi importantissimi per l'azienda da quando è entrata a far parte del consiglio di amministrazione nel 2007», ha affermato Iger.

 La nomina di Arnold arriva in un momento in cui le grandi aziende si stanno allontanando da una struttura organizzativa in cui i ruoli di CEO e presidente sono ricoperti da un'unica persona a seguito della spinta di esperti di corporate governance, azionisti e, in alcuni casi, regolatori per districare i due ruoli .

Diversi altri dirigenti Disney hanno annunciato l'intenzione di lasciare entro la fine del 2021, tra cui il capo degli Studios Alan Horn, il presidente e chief creative officer di Disney Branded Television Gary Marsh e il consigliere generale della compagnia Alan Braverman.

A Iger, 70 anni,  si devono le grandi acquisizioni del gruppo: ha guidato l'acquisto da parte di Disney dei marchi Pixar nel 2006, Marvel nel 2009, Lucasfilm nel 2012 e 21st Century Fox nel 2019.  Alla Disney ha segnato un'era di grandi cambiamenti e di innovazione. Al di fuori dl mondo imprenditoriale e manageriale, il suo nome è stato più volte associato a una possibile candidatura alla Casa Bianca, mai concretizzatasi. È stato tra i responsabili della raccolta fondi per la campagna elettorale di Hillary Clinton nel 2016 e, nel dicembre 2016, entrò a far parte del gruppo di consiglieri dell'allora neopresidente Donald Trump, dimettendosi un paio di mesi più tardi per protesta dopo il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA