Violenza, nel 2020 le richieste di aiuto al numero 1522 sono aumentate del 72%

Martedì 20 Aprile 2021
Violenza, nel 2020 le richieste di aiuto al numero 1522 sono aumentate del 72%

Nell'anno del Covid molte donne chiuse in casa sono state più esposte alla violenza di partner e conviventi. Le richieste di aiuto al numero antiviolenza e stalking 1522 sono fortemente aumentate. Da marzo a ottobre 2020 le chiamate sono state 23.071: un anno prima, nello stesso periodo, erano state 13.424 (+71,9%). Lo rende noto il secondo Rapporto sulla filiera della sicurezza in Italia realizzato dal Censis e da Federsicurezza.

Violenza, troppi pregiudizi e stereotipi in tribunale e nelle cronache: una ricerca dell'università della Tuscia e un convegno

Le donne che hanno paura, informa lo studio, mettono in atto comportamenti che ne condizionano fortemente la qualità della vita: il 75,8% ha paura di camminare per strada e di prendere i mezzi pubblici di sera, l'83,8% ha paura di frequentare luoghi affollati, l'88,5% ha paura di incontrare persone sconosciute sui social network, il 76,3% ha paura di condividere immagini sul web, il 22,5% ha paura di stare a casa da sola di notte. Ma ci sono anche, informa ancora il rapporto Censis-Federsicurezza, oltre 6 milioni di italiani che hanno paura di tutto. Sono i panofobici: in casa o fuori, vivono costantemente in stato d'ansia. Tra di loro prevalgono le donne: sono quasi 5 milioni, il 17,9% della popolazione femminile complessiva. Ma sono presenti anche tra i giovani: sono 1,7 milioni, pari al 16,3% dei giovani con meno di 35 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA