Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Senato, no dell'Aula alla parità di genere nel linguaggio istituzionale

Senato, no dell'Aula alla parità di genere nel linguaggio istituzionale
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 15:02

No alla parità di genere e al linguaggio inclusivo nel Regolamento del Senato. In aula a palazzo Madama, dove si sta discutendo la Riforma del Regolamento del Senato a seguito della revisione costituzionale per la riduzione del numero dei parlamentari, l'emendamento presentato dalla senatrice Alessandra Maiorino non ha raggiunto la maggioranza richiesta per essere approvato. Nello scrutinio segreto, hanno votato a favore 152 senatori, non sufficienti per raggiungere la maggioranza assoluta richiesta. L'emendamento, intitolato «Disposizioni per l'utilizzo di un linguaggio inclusivo», prevedeva, all'articolo 1, che il Consiglio di presidenza stabilisse «i criteri generali affinché nella comunicazione istituzionale e nell'attività dell'amministrazione sia assicurato il rispetto della distinzione di genere nel linguaggio attraverso l'adozione di formule e terminologie che prevedano la presenza di ambedue i generi attraverso le relative distinzioni morfologiche, ovvero evitando l'utilizzo di un unico genere nell'identificazione di funzioni e ruoli, nel rispetto del principio della parità tra uomini e donne».

LE REAZIONI

«Ciò che è avvenuto oggi al Senato è gravissimo. Fratelli d'Italia con la complicità di tutta la destra ha manifestato cosa pensa del ruolo delle donne nella società, chiedendo il voto segreto sull'emendamento che avrebbe consentito di utilizzare la differenza di genere nel linguaggio ufficiale di un'istituzione importante come Palazzo Madama. Il ruolo non è neutro, è maschile. Impedire alle donne di essere riconosciute nel ruolo che svolgono significa dare per scontato che quel ruolo sia appannaggio maschile», commenta la senatrice del Pd Valeria Valente, presidente della commissione Femminicidio.

E la ministra per le Pari Opportunità, Elena Bonetti: «Realizzare la parità tra donne e uomini è creare sviluppo, è crescita, è democrazia per il nostro Paese. É stato ed è l'impegno del Presidente Draghi e del governo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA