Daniela Mapelli è la prima rettrice dell'università di Padova in 800 anni di storia

Daniela Mapelli è la prima rettrice dell'università di Padova in 800 anni di storia
2 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Giugno 2021, 19:48 - Ultimo aggiornamento: 20:27

Daniela Mapelli è la nuova rettrice dell'università di Padova. La prima donna in 800 anni di storia del Bo. La professoressa di neuropsicologia ha battuto Patrizia Marzaro al ballottaggio con 195 voti di scarto. «Mai come ora, in questi momenti, i ritratti degli uomini che hanno guidato l’Università di Padova, che accompagnano l'entrata in sala della Basilica, mi sembrano restituire vividamente le loro storie, i loro pensieri, le loro speranze», il commento delle rettrice. «Dal prossimo ottobre potremo – finalmente! – dire: uomini e donne che hanno guidato l’Università di Padova».

La rettrice della Sapienza: «La nostra missione contro il gender gap»

Antonella Polimeni, prima rettrice eletta alla Sapienza dopo 717 anni: «Il gender gap si combatte all'Università»

Mamma di due figli, 55 anni nata a Lecco, Mapelli si è laureata ed insegna Psicologia. Si dice «affascinata» come dice lei stessa dal ramo «sperimentale» della materia. Il duello per il rettorato è stato con un'altra donna, Patrizia Marzaro, professore ordinario di Diritto amministrativo.  Ha diversi incarichi nell’Ateneo padovano, tra cui quello di presidente del corso di laurea magistrale in Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica (dal 2012 ad oggi).

«Esprimo le mie più vive congratulazioni alla professoressa Daniela Mapelli, prima rettrice negli 800 anni di storia dell'Universitá di Padova. Un incarico che premia un percorso professionale d'eccellenza dal quale, oltre all'impegno e alla passione per la psicologia e le neuroscienze, traspare il desiderio di sperimentare e innovare. Caratteristiche che ben si conciliano con la storia dell'Ateneo di Padova, Università internazionale e moderna, custode di un passato prestigioso ma sempre proiettata nel futuro con l'obiettivo di anticipare gli sviluppi della nostra società», i complimenti della presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA