Vjosa Osmani, 38 anni, nuova presidente del Kosovo si rivolge alle donne: «Non smettete di osare e di sognare»

Martedì 6 Aprile 2021
1
Vjosa Osmani, 38 anni, nuova presidente del Kosovo si rivolge alle donne: «Non smettete di osare e di sognare»

Vjosa Osmani è il nuovo presidente del Kosovo. È stata eletta dal parlamento con 71 voti a favore (sul totale di 120). L'elezione è avvenuta con la maggioranza semplice (quorum di 61), dopo che erano andati a vuoto i due primi tentativi che richiedevano la maggioranza dei due terzi (80).

 Vjosa Osmani, capo del parlamento, dallo scorso novembre esercitava ad interim le funzioni di Capo dello stato dopo l'arresto del presidente uscente Hashim Thaci, detenuto all'Aja con l'accusa di crimini di guerra. Trentotto anni, giurista e mamma di due gemelle, ha lanciato un appello a tutte le donne: «Non smettete di andare avanti, di osare, perché i vostri sogni possono diventare realtà».

Giurista di formazione, Vjosa Osmani, ha ottenuto il  dottorato all'Università americana di Pittsburgh. È docente universitaria, e tiene corsi in diritto internazionale. Nata a Mitrovica, è sposata e ha due figlie gemelle. Negli anni scorsi ha lavorato come assistente nell'ufficio dell'ex presidente Fatmir Sejdiu, e ha poi proseguito la sua carriera politica come parlamentare. Nelle elezioni politiche del 2019 è stata capolista della Lega democratica del Kosovo (Ldk), ed è stata successivamente eletta alla presidenza del parlamento. Ma per forti divergenze emerse con la leadership del partito, lo scorso giugno è stata estromessa dall'Ldk. Nelle ultime elezioni del 14 febbraio scorso, Osmani si è presentata con una sua lista denominata 'Guxò insieme al movimento "Autodeterminazine" del nuovo premier Albin Kurti, vincitore con oltre il 50%.

Eletto il nuovo Patriarca di Serbia, Porfirije Peric apre spiragli ad una (storica) visita del Papa

La Serbia fa storia, il nuovo premier è Ana Brbabic, omosessuale dichiarata

Oltre all'albanese parla serbo, turco, inglese e spagnolo. Vjosa Osmani ha lanciato un appello a tutte le forze politiche locali a dar prova di spirito di collaborazione e tolleranza. «Sarò il presidente di tutti, la mia porta sarà aperta a tutti», ha detto parlando in parlamento poco dopo la sua elezione questa sera a Pristina. La prima priorità, ha sottolineato, è la lotta alla pandemia: «Abbiamo perso molte vite e possiamo perderne tante altre», ha affermato Osmani, che ha ringraziato tutti i deputati che l'hanno sostenuta, compresi quelli del partito Ldk (Lega democratica del Kosovo), dal quale nei mesi scorsi è stata estromessa per divergenze con la dirigenza del partito. «Mi impegno a lavorare per il rafforzamento delle strutture statali e dello stato di diritto», ha assicurato la neopresidente, che si è poi riferita al negoziato con Belgrado. Il dialogo, ha detto, è la via da seguire, ma esso deve essere giusto ed equo. E non vi potrà essere una normalizzazione dei rapporti fino a quando i criminali di guerra serbi non saranno assicurati alla giustizia»,  ha aggiunto.

Il commissario Ue all'allargamento, Oliver Varhelyi, si è congratulato con Vjosa Osmani per la sua elezione alla presidenza del Kosovo. Citato dai media a Belgrado, Varhelyi ha espresso l'auspicio che con le nuove istituzioni statali a Pristina - presidente, governo e parlamento - lavorerà per progredire nelle riforme e nell'agenda europea. «La prosecuzione del dialogo con Belgrado è cruciale», ha aggiunto il commissario. Con Vjosa Osmani si è congratulato via Twitter anche Miroslav Lajcak, rappresentante speciale Ue per il dialogo fra Belgrado e Pristina

© RIPRODUZIONE RISERVATA