Il seminario Donne, Economia e potere dedicato alle sfide del futuro

Il seminario Donne, Economia e potere dedicato alle sfide del futuro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Ottobre 2021, 12:37 - Ultimo aggiornamento: 12:45

Il Gusto del Futuro: è questo il tema della XXI Edizione del Seminario Internazionale Donna, Economia & Potere, organizzato dalla Fondazione Marisa Bellisario dedicato alle donne, che si svolgerà venerdì 29 e sabato 30 ottobre a Roma, presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica “Ennio Morricone”.

Donne e Intelligenza Artificiale; Economia della Conoscenza, Sviluppo, Transizione, Digitalizzazione; Donne e Start up, questi gli argomenti al centro del seminario. che si apre  con il discorso introduttivo della Presidente Lella Golfo. A seguire due tavole rotonde: la prima dal titolo Donne e Intelligenza Artificiale, introdotta dalla ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa e moderata dalla giornalista Maria Latella; e la seconda dal titolo Economia della conoscenza: Sviluppo, Transizione, Digitalizzazione moderata dal giornalista del Corriere della Sera Federico Fubini.

IL PROGRAMMA

I lavori si concludono con il saluto della Parlamentare afghana e rifugiata politica Sakinah Hossieni, presente per inaugurare la Mostra fotografica dal titolo La vita negata, un omaggio alle donne afghane, reportage fotografico realizzato dalla presidente Lella Golfo nel corso delle sue missioni in Afghanistan. Sabato 30 ottobre  i lavori si aprono con i saluti della ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti. Poi l’Associate Professor of Practice di Strategy and Entrepreneurship presso SDA Bocconi School of Management, Carlo Alberto Carnevale Maffè coordina il progetto innovativo di questa edizione: B-Factor: Fattore Bellisario. Adotta una start up. Venti Start up al femminile, selezionate tramite un contest pubblico lanciato dalla Fondazione Marisa Bellisario, sono valutate dalla Giuria così composta: Federica Garbolino, responsabile Sviluppo Mercato e Servizi di Invitalia; Maria Laura Garofalo, amministratore delegato Garofalo Health Care; Luca Josi, Consigliere di Amministrazione Fondazione TIM; Elena Miroglio, presidente Miroglio Fashion; Monica Mosca, Giornalista; Roberta Palazzetti, presidente e amministratore delegato British American Tobacco Italia; Anna Roscio, responsabile Sales & Marketing Imprese Intesa Sanpaolo e Olga Urbani, presidente Urbani Tartufi. Cinque targhe saranno assegnate ai progetti ritenuti migliori.

«Il gusto del futuro è un’espressione più volte evocata dal Presidente del Consiglio Mario Draghi ‒ commenta la presidente della Fondazione Marisa Bellisario Lella Golfo ‒ che esprime perfettamente il nostro credo: coltivare il gusto del futuro vuol dire ambire e non subire il cambiamento, e lavorare per plasmare l’avvenire così come lo abbiamo sognato e come crediamo di meritarlo. Tutti i temi che affronteremo in questi due giorni di lavori sono sfide che passano da giovani e donne, da una visione globale e integrata che li veda protagonisti e artefici. Il Pnrr ci offre una straordinaria occasione. Da una parte, investire come mai fatto finora in istruzione e ricerca per consegnare alle nuove generazioni un Paese più moderno. Dall’altra, rendere le donne co‒protagoniste non della ripresa ma del futuro dell’economia e della politica. Queste sono le scelte che chiediamo di compiere alla politica, all’economia e alla società civile. Scegliere di cambiare, con coraggio e Gusto del Futuro».

«L’intelligenza artificiale sarà sempre più pervasiva nel nostro futuro – spiega la ministra dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa – e anche per la ricerca italiana rappresenta una sfida centrale, non solo per il potenziamento delle infrastrutture tecnologiche ma anche per la valorizzazione della formazione steam, fondamentale per la gestione del rapporto uomo-macchina. In questa sfida le donne possono essere protagoniste di un’evoluzione a misura di tutti». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA