COVID

Covid, in Usa 2,2 milioni di donne hanno perso il lavoro: 1 su 4 costretta ad abbandonare la carriera

Giovedì 3 Dicembre 2020

Il Covid e le donne nel mondo del lavoro, come sta cambiando lo scenario americano. Sono le donne ad aver subito il contraccolpo più duro, tra chi ha perso il lavoro e chi è stato costretto a lasciarlo. A causa del coronavirus, le donne di età compresa tra i 25 e i 44 anni hanno più facilità a perdere lavoro rispetto ai colleghi maschi della stessa fascia di età. 

Secondo il National Women’s Law Center, 2,2 milioni di donne hanno lasciato il lavoro dall'inizio della pandemia. I dati fanno impressione: almeno una donna su quattro sta valutando la possibilità di ridimensionare la propria carriera o di lasciare il lavoro a causa delle sfide create dalla pandemia. Lo studio è stato al centro di un articolato reportage da parte della AbcNews che ha raccolto tante testimonianze di donne.

Istat, a ottobre lieve calo dei posti di lavoro ma la disoccupazione giovanile sale al 30,3%

Manovra, sgravi in arrivo per chi assume donne

Come Katie Morales, 35enne madre single, che ha cercato disperatamente di continuare a lavorare mentre si prendeva cura di sua figlia di 7 anni durante la pandemia COVID-19. Prima della pandemia, lavorava in una fattoria di salvataggio di animali nello stato di New York.

Quando le scuole hanno chiuso a marzo, l'assistenza all'infanzia è diventata un problema per la madre lavoratrice. Morales ha preso la decisione angosciosa di lasciare il lavoro dei suoi sogni e tornare nella sua città natale a Chino, in California, in modo che sua madre e sua nonna potessero aiutare con la cura dei bambini. 

Come racconta la AbcNews, Alicia Modestino, professoressa alla Northeastern University di Boston, ha detto che gli economisti definiscono la tendenza delle donne che affrontano la stessa decisione di Morales una "cessione".

«Le donne stanno subendo il peso maggiore dei danni del mercato del lavoro da COVID-19 - spiega la professoressa - Questo è per due ragioni. Uno è perché molte industrie e occupazioni in cui lavorano sono state duramente colpite dalla pandemia. Ma il secondo motivo è dovuto alla mancanza di assistenza all'infanzia e al disagio causato dalla chiusura degli asili nido e delle scuole».

Secondo una nuova ricerca dell'Ufficio del censimento degli Stati Uniti e della Federal Reserve, le donne di età compresa tra 25 e 44 anni hanno quasi tre volte più probabilità degli uomini della stessa fascia di età di non lavorare a causa delle richieste di assistenza all'infanzia.

Ultimo aggiornamento: 4 Dicembre, 09:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA