Caravaggio, il San Giovannino riscoperto. Zeri l'aveva identificato nel 1951

Mercoled├Č 9 Gennaio 2013 di Fabio Isman
Il San Giovannino di Caravaggio riscoperto

ROMA - Assegnato a Caravaggio, poco visto in Italia (e mai da 60 anni), con una singolare storia alle spalle: riemerge da tempi abbastanza remoti un San Giovannino di Caravaggio che offre da mangiare a una pecorella, e, diciamolo subito, non pu˛ essere una copia. ╚ largo 112 cm e alto 78; la postura del Battista ricorda i dettagli di due dipinti: il soggetto analogo della Galleria Corsini a Roma, e l’Incoronazione di spine di Vienna; magari, pure il San Gerolamo che scrive di Malta. Gli esami scientifici mostrano che le peculiaritÓ corrispondono a quelle tipiche di Merisi. Ha giÓ convinto tanti esperti del pittore: da Claudio Strinati a Maurizio Calvesi, Carlo Giantomassi (grande restauratore), fino a Rossella Vodret, che l’ha vincolato come opera autografa a maggio, e voluto per una mostra da poco conclusa nel Sud America. Il źCaravaggio ritrovato╗ ha persuaso pure Clovis Witfield, Sergio Guarino (nel 2011, ha rinvenuto documenti rivelatori) e Sebastian SchŘtze, tre altri noti esperti.

IL BLOCCO

La sua storia ├Ę quanto mai curiosa. La racconta Fabrizio Russo, negozio in via Alibert, a Roma: ┬źAnche mio nonno Franco era un antiquario. Nel 1951, presenta il dipinto all’Ufficio esportazioni: voleva venderlo a un’asta a New York, come Caravaggesco┬╗. Ma a Christie’s il San Giovannino non arriva: bloccato dalla commissione; lo Stato esercita il diritto di prelazione. Lo decidono tre esperti: Giorgio Castelfranco, storico dell’arte, collaboratore di Rodolfo Siviero nel recupero delle opere portate via dai nazisti e gi├á direttore di Palazzo Pitti; Corrado Maltese, allievo di Pietro Toesca e docente universitario, autore di una Storia dell’Arte in Italia 1785-1943 edita da Einaudi e pochi anni prima, segretario di Ranuccio Bianchi Bandinelli, un grande direttore generale delle Belle Arti; e Federico Zeri, allora trentenne.

Cinque mesi prima, si era aperta a Milano, curata da Roberto Longhi, la famosa mostra caravaggesca. Affermano i tre: ┬źOpera di alto pregio da attribuirsi a Michelangelo da Caravaggio, nella sua piena maturit├á┬╗, ┬ź├Ę una strettissima congiuntura caravaggesca, fra i pi├╣ importanti acquisti delle Gallerie nazionali nell’ultimo decennio┬╗. Lo Stato paga il basso valore dichiarato del dipinto (30 mila lire), e, fino al 1958, lo espone a Palazzo Barberini, non ancora restaurato, acquisito nel 1949 per diventare Galleria d’Arte antica.

Ne nasce una ┬źquerelle┬╗ giudiziaria: Franco Russo contesta la prelazione. ┬źRivendica la sua buona fede: non avrebbe mai pensato di esportare la tela, se l’avesse ritenuta di Caravaggio┬╗, spiega Maurizio Lupoi, figlio del legale che ne cur├▓ gli interessi; ┬źma ci vollero tre gradi di giudizio┬╗. Nel 1958, il quadro torna a Franco Russo. Il quale se ne va improvvisamente due anni dopo: ┬źNonno non ha potuto nemmeno raccontarci qualcosa di quel dipinto┬╗, dice Fabrizio. Il negozio di via del Babuino ├Ę venduto, la tela resta in casa. La genealogia continua: prima, due fratelli di Franco, Ettore e Antonio, aprono gallerie nel centro di Roma; poi, il figlio una a via Capo le Case: ┬źMa aveva tre lauree, e si occupava semmai di centrali nucleari┬╗. Finch├ę pubblicizza il dipinto, ormai non pi├╣ della famiglia, come della Cerchia di Caravaggio: nella mostra per i ┬źCent’anni di una tradizione┬╗, iniziata dal suocero, Pasquale Addeo.

LE INDAGINI

┬źE’ il 1998; e dopo quella celebrazione, cominciamo gli accertamenti┬╗. Nel 2010, Bruno Arciprete lo pulisce a Napoli. Sergio Guarino ritrova una tela di dimensioni e soggetto analoghi nella raccolta del cardinale Pio: ceduta nel 1777, come Caravaggio, a Gavin Hamilton, un mercante famoso; e ce n’├Ę menzione tra i beni d’un altro cardinale, Giacomo Filippo Nini, nel 1681: ┬źS. Gio. Battista, tela grande, che colla destra porge l’herba all’agnello vestito di pelliccia e manto rosso mano del Caravaggio┬╗. Lo esamina l’ingegner Claudio Falcucci, della Sapienza, che dice: ┬źHo indagato circa 30 opere di Merisi; ho studiato tre volte questo quadro, l’ultima nel 2011. Non c’├Ę un disegno, ed ├Ę abbastanza solito in Caravaggio; ci sono invece quelle incisioni nella tela abituali per lui. Vari pentimenti e correzioni: non ├Ę una copia. Tipici i profili a risparmio: zone non dipinte in cui sfrutta la preparazione della tela. Tante le compatibilit├á e analogie: per come ├Ę dipinta, una gamba ├Ę analoga al quadro Corsini: anche certe incisioni li accomunano┬╗.

A concludere ├Ę Claudio Strinati: ┬źTra i molti che negli ultimi anni sono stati avvicinati alla mano di Caravaggio, questo ├Ę di gran lunga il pi├╣ interessante e importante┬╗; ┬źnuova e sorprendente l’iconografia┬╗; ┬źun conoscitore come Zeri non avrebbe caldeggiato l’acquisto┬╗; ┬źil restauro ha messo in evidenza una qualit├á della stesura coerente con quanto ora sappiamo del metodo di lavoro di Caravaggio┬╗; gli ricorda anche il Narciso di Palazzo Barberini (che, secondo alcuni, ├Ę per├▓ di Giovanni Antonio Galli, ┬źlo Spadarino┬╗: ma veste come il giovane nella Buona Ventura dei Capitolini, e come la Maddalena penitente Doria Pamphili). Per lui, il dipinto ├Ę ┬źdell’estrema fase del pittore┬╗. E’ un nuovo mistero, un nuovo (ma antico) e prezioso ritrovamento.

Ultimo aggiornamento: 10 Gennaio, 10:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Calimero e la gabbianara della Balduina

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma